Donne che danzano (foto di Antonio Politano)

1 tema, 5 immagini

Con questo numero "Sguardi on-line" inaugura un nuovo spazio: un tema, proposto da un fotografo, sviluppato/raccontato in un numero contenuto di immagini, per esempio tre o cinque o anche solo una.
Questa volta e' il turno di "donne che danzano" e di cinque immagini, una per ogni continente.

Si apre con l'Europa, e la Spagna andalusa, con il momento di pausa post-gara della vincitrice del trofeo di ballo, colta sotto il lancio di coriandoli che celebra la sua acclamazione.


Si passa poi a Cuba, Americhe, in uno dei templi celebrati del baile latino-americano: il Tropicana, club di danza piu' antico della stessa revolucion di Fidel, un misto di classe e kitsch, divertimento ed esotismo, turismo di massa a prezzi elevati e numeri di danza e canto di valore, sullo sfondo - ovviamente - dell'erotismo tropicale abbondantemente evocato.

 

Ma le danze possono avere tipologie molto diverse. Lo dimostra il cerchio danzante formato dalle maman del Benin, Africa occidentale, impegnate in una cerimonia vudu' che trovera' il suo culmine nel sacrificio di un capretto alla volonta'di qualche divinita'.

Chiudiamo con due immagini che, in qualche modo, si somigliano. Le movenze della danzatrice della piccola isola delle Fiji, Oceania, ricordano quelle della giovane appartenente ai dervisci danzanti di Uskudar, quartiere asiatico della cosmopolita Istanbul, percio' Asia anche se di confine. La prima sta rappresentando un mito di creazione della propria etnia; l'altra sta cercando attraverso la rotazione ritmata lo stato di estasi fisica e spirituale che sara' tramite di comunicazione con Dio.

Donne diverse, danze diverse, un tema, cinque immagini.

Antonio Politano



                     
© Nital S.p.A. P.IVA 06047610016