Q.tà
€ 8.00
Il carrello è vuoto.
Fotografare i grandi parchi italiani

Conoscere il territorio - Scelte Etiche - Tecniche Fotografiche

09 FEBBRAIO 2018 | Nital S.p.A.

 

DATA: 9 Febbraio 2018
ORARIO: 20:30 - 23:00
QUOTA: € 8,00
INTERVENGONO: Saul Ripamonti Fondatore Agenzia www.Pixcube.it, Vice Presidente Federparchi-EUROPARCS Agostino Agostinelli, Direttore Parco Nazionale dello Stelvio - Alessandro Meinardi - ERSAF, Rappresentante Parco Nazionale Gran Paradiso, Direttore Fondazione Dolomiti UNESCO - dott.ssa Marcella Morandini, Presidente Parco Naturale Dolomiti Friulane.
Fotografi: Simone Stanislai, Davide Marcesini, Paola Finali, Marco Carulli
COORDINANO: Bachis Roberto Nital spa, Ripamonti Saul pixcube.it.
 

PROGRAMMA DELLA SERATA


Welcome serata e coordinamento

Roberto Bachis Nikon Italia


Siamo ambasciatori. Le nostre foto, per le generazioni future.

Saul Ripamonti www.Pixcube.it


Le aree protette italiane:

Agostino Agostinelli EUROPARCS


L'etica nella Fotografia Naturalistica

a cura Parco Nazionale Gran Paradiso
Esercizi fotografici e tecnica applicata
a cura di Simone Stanislai

Il rapporto tra il territorio ed il paesaggio

Fondazione Dolomiti UNESCO

La bellezza selvaggia

a cura Parco Naturale Dolomiti Friulane
Esercizi fotografici e tecnica applicata

a cura di Davide Marcesini


Biodioversità. Un equilibrio Delicato

Alessandro Meinardi, Direttore Parco Naz. Stelvio
Esercizi fotografici e tecnica suggeriti.
Paola Finali e Marco Carulli

Coordinano: Bachis Roberto Nital spa - Ripamonti Saul pixcube.it

Fotografare i grandi parchi italiani, rispettandone regole e concetti etici è un'esperienza unica ed appagante. Un team di esperti fotografi professionisti selezionati, coordinati dall'agenzia pixcube.it in collaborazione con NikonSchool, lavora quotidianamente per offrire delle esperienze fotografiche di primo livello, garantendo ai partecipanti un'educazione fotografica multiforme, sfruttando tecniche ed esercizi sempre aggiornati. La preziosa collaborazione di Federparchi - Europarcs e il supporto dei rappresentanti delle aree protette italiane, dei guardaparco e delle guide ufficiali del territorio, assicura di volta in volta accessi esclusivi ai Parchi, attraverso itinerari studiati ad hoc: nel loro sviluppo questi percorsi offrono ai partecipanti innumerevoli possibilità e occasioni per sviluppare una propria visione personale del contesto che si va scoprendo e per generare contenuti originali che rappresentino l'essenza del territorio.

Il fotografo che si approccia con metodo ed educazione all'ambiente, diventa per noi a tutti gli effetti un "ambasciatore" della sua bellezza e della sua biodiversità. La qualità del suo lavoro non prescinde mai dalla cura e dalla consapevolezza di ciò che incontra e per questa ragione acquista ancora più valore. Nel suo operato è ben accolto dai residenti perchè le sue immagini nascono dal rispetto di valori fondamentali condivisi, valori che sono parte integrante del territorio stesso. È una relazione diretta e sincera. La terra infatti restituisce sempre, in forme e luci diverse, l'impegno e la dedizione spesi nel proteggerla e nell'ascoltarla. Abbiamo un solo Pianeta e di questo siamo coscienti.

Oggi milioni di foto vengono scattate e condivise tra le persone. Lo sviluppo delle tecnologie e delle connessioni, ha comportato una rivoluzione nel mondo della fotografia e della comunicazione: si sono modificati i nostri comportamenti ed il nostro modo di rapportarci con il mondo.

In quella che può essere definita una vera e propria "bulimia di immagini" che vengono scattate e consumate ad una velocità incredibile, trova ancora un senso il piacere di scattare per cogliere e preservare l'incredibile varietà di dettagli del mondo che ci circonda e tramandarlo alle generazioni a venire. In questa repentina accelerazione che ha avuto la fotografia nell'ultimo decennio, noi crediamo ancora di più in un approccio consapevole, riflessivo e mai superficiale.

Inoltre, sfogliando riviste, navigando tra siti internet e news sui media, ci rendiamo conto dell'importanza della qualità e della veridicità delle immagini e dei contenuti. È giusto allora chiedersi anche cosa possiamo fare con le nostre fotografie e cosa le fotografie possono fare per gli altri.

Come possiamo sviluppare un nostro gusto personale che sia in armonia con la realtà che osserviamo e che non ne restituisca un simulacro posticcio? Come possiamo muoverci in questi ambienti naturali e protetti senza contaminarli? Quali principi etici è giusto osservare e rispettare? Come documentare il territorio ed i paesaggi cercando di fornire una visione originale e non standardizzata? Quali tecniche fotografiche sono consigliate a tal fine e quale riflessione deve compiere il fotografo che si approccia a questo genere di immagini?

Pixcube.it e NikonSchool, con un panel qualificato di esperti, di rappresentanti delle aree protette e di fotografi professionisti, parla di etica e fotografia, di paesaggio e di biodiversità. Le nostre experiences si propongono di unire le suggestioni e i pensieri raccontati da chi vive il territorio ad una serie di esercizi tecnico-fotografici, illustrati dai professionisti pixcube.it, con lo scopo di coniugare sempre la parte nozionistica all'esperienza viva ed emozionale. Per formare persone in grado di camminare con passi attenti nel territorio di oggi e per tramandare questo insegnamento alle generazioni che verranno

L'etica nella Fotografia Naturalistica:

a cura de, Parco Nazionale Gran Paradiso

Il Parco Nazionale Gran Paradiso ci illustrerà alcune importanti linee guida: ad esempio, prima di accedere ad un'area protetta è sempre consigliabile documentarsi sulle norme che ne regolano la fruizione al pubblico; avvicinarsi alla natura limitando l'impatto ambientale; osservare e riprendere gli animali nello svolgimento delle loro attività quotidiane, senza essere invadenti; documentarci sui cicli vitali per evitare di disturbarli e ottenere immagini migliori e più naturali. Per chiarire l'importanza di questi precetti, saranno discussi alcuni esercizi tecnici suggeriti dal fotografo professionista (importanza di lavorare sulla composizione degli spazi, sul rapporto uomo - natura, sulla non essenzialità della vicinanza al soggetto, l'importanza di preparare bene la sessione fotografica e di non improvvisare).

Il rapporto tra il territorio ed il paesaggio:

Fondazione Dolomiti UNESCO / Parco Naturale Dolomiti Friulane

Il paesaggio deriva da una somma di relazioni, non ultima quella fra umani e natura. Il paesaggio è fatto da ciò che si vede e da ciò che non si vede. Le immagini di paesaggio evocano in chi le guarda sensazioni ed emozioni, ed anche queste diventano parte del paesaggio.
I suoi elementi entrano nel profondo della coscienza umana e da questo nascono identità e amore per i luoghi.
Saranno discussi alcuni esercizi tecnici tra cui la tecnica del wide-angles come forma di rappresentazione dei confini del paesaggio ed il tentativo di rappresentarne la parte più intima.

Biodioversità. Un equilibrio delicato

Alessandro Meinardi, Dir. Parco Naz. Stelvio

Biodiversità è la varietà degli esseri viventi che vivono sulla Terra, e si misura a livello di geni, di specie, di popolazioni e di ecosistemi. Una varietà incredibile di organismi, piante, animali ed ecosistemi tutti legati l'uno all'altro, tutti indispensabili. Anche noi facciamo parte della biodiversità e sfruttiamo i servizi che ci offre: grazie alla biodiversità la natura è in grado di fornirci cibo, acqua, energia e risorse per la nostra vita quotidiana. La biodiversità garantisce la sopravvivenza della vita sulla Terra. L'uomo non ha il diritto di estinguere le specie viventi. Invece ha il dovere di preservare l'ambiente e le risorse della Terra per le generazioni future.
Con le nostre immagini possiamo raccontare le interazioni fra la biodiversità,

evidenziarne la drammaticità ed aiutare ad invertire l'attuale declino degli ecosistemi naturali. A supporto di questa tesi saranno discussi alcuni esercizi tecnici suggeriti dal fotografo professionista tra cui: tentativi consapevoli di aggiungere pathos alle immagini forzando la normale scala prospettica; l'attenzione allo "spazio negativo" per dare forza a soggetti minori nello spazio; l'uso e lo sviluppo di effetti creativi "on camera" come ad es. il "mosso voluto", puntualizzando che tali espedienti non debbano ridursi ad un semplice "vezzo estetico" ma possano servire ad offrire una visione singolare e nuova del territorio; l'attenzione ai colori e alle associazioni di cromìe complementari.

Riassunto Esercizi tecnici a supporto

Etica fotografica - Gran Paradiso
Esercizio Tecnico e Compositivo: L'equilibrio formale
Esercizio di Stile: Sfocature e Soggetti

I confini del paesaggio - Territorio e Dolomiti
Esercizio Tecnico: Wide Angles
Esercizio di Stile: Forma e Anima

Fotografare la biodiversità - Stelvio
Esercizio Tecnico: Utilizzo dei volumi e spazi
Esercizio Tecnico: scelta consapevole dei colori
Esercizio di Stile: mosso voluto e multi-esposizioni.

OSPITI E RELATORI

Intervengono:
Saul Ripamonti Fondatore Agenzia www.Pixcube.it
Vice Presidente Federparchi-EUROPARCS Agostino Agostinelli
Direttore Parco Nazionale dello Stelvio - Alessandro Meinardi - ERSAF
Rappresentante Parco Nazionale Gran Paradiso
Direttore Fondazione Dolomiti UNESCO - dott.ssa Marcella Morandini
Presidente Parco Naturale Dolomiti Friulane
Fotografi: Simone Stanislai, Davide Marcesini, Paola Finali, Marco Carulli

Coordinano;
Bachis Roberto Nital spa , Ripamonti Saul pixcube.it