Sguardi 64 - Maggio 2009

A cura di:

Editoriale

Per Umberto Eco “bello è tutto ciò che gli uomini hanno chiamato bello”.  È questione di visioni, di sguardi che selezionano anche attraverso un mirino. In questo numero dedichiamo un approfondimento alle rappresentazioni della bellezza, da un punto di vista fotografico.

Michel Comte è considerato tra i maestri del ritratto; una retrospettiva dedicatagli a Bruxelles fornisce l'occasione per osservare il suo stile e ritornare su alcune sue immagini diventate iconiche. Il Metropolitan Art Museum di New York rende omaggio alla figura della modella che, progressivamente, nella seconda metà del Novecento è diventata musa ispiratrice non solo di fotografi (Richard Avedon, Annie Leibovitz e Peter Lindbergh) e stilisti (Giorgio Armani, Pierre Cardin e Calvin Klein) ma anche di comportamenti e modelli sociali, da Twiggy e Veruschka a Naomi Campbell e Linda Evangelista. A Brescia, la collettiva Elogio della bellezza attraversa 150 anni di storia della fotografia alla ricerca della bellezza femminile, con autori come Robert Mapplethorpe, David La Chapelle, Nobuyoshi Araki, Flor Garduno.

Il Festival Cronache nomadi di Honfleur, nella Bassa Normandia francese è consacrato alla fotografia di viaggio, alla narrazione dello spaesamento, dell'esperienza dell'altro, della differenza e dell'identità, al di là dell'immagine pubblicitaria e dei clichè turistici, con esposizioni che ci portano in Cina, Tibet, Cambogia, Giappone.

L'intervista di questo numero è a Christian Cristoforetti che racconta la sua singolare ricerca nel mondo a parte dei pastori delle alpi trentine, da lui considerati gli ultimi transumanti d'Occidente. L'intervento di questo numero è di Rosa Pugliese, neolaureata in Editoria, Comunicazione e Giornalismo multimediale, attorno alla disputa digitale versus analogico e a linguaggi nuovi e nuove professioni, social network e creatività. L'inviato è invece Davide Pianezze che, accompagnando i suoi scatti in Sudafrica e Mongolia, sottolinea come sia importante saper attendere e riconoscere una situazione fotograficamente rilevante più che tentare di rincorrerla affannosamente.

Infine, le news segnalano il lavoro di Gabriele Basilico sulle Langhe nei luoghi di Beppe Fenoglio, la seconda edizione di Artèfoto, unico festival dedicato al fotogiornalismo in Italia, e le stimolanti riflessioni di Michele Smargiassi attorno all'irrisolvibile questione se la fotografia può essere vera, risolta in verità nel titolo del suo libro: Un'autentica bugia.

[Antonio Politano]