Sguardi 95

Intervista Maestri Sguardi Festival Inviati Maestri News Riviste Anniversari

Editoriale

Sono dieci anni esatti che Henri Cartier-Bresson se n’è andato. E ci manca. Da allora, ogni occasione per ritrovarne il tocco e lo spirito, il genio compositivo, la pratica dell’istante decisivo, è per noi benvenuta. Figurarsi quando ci troviamo davanti a una retrospettiva senza precedenti come quella che sbarca al Museo dell’Ara Pacis di Roma dal Centre Pompidou di Parigi. Frutto di un profondo lavoro di ricerca nell’archivio di Cartier-Bresson, la mostra copre il suo intero percorso professionale (con oltre 500 tra fotografie, disegni, dipinti, film e documenti) e propone le icone più importanti accanto a immagini meno conosciute delle diverse stagioni di Cartier-Bresson: il fotografo vicino al movimento Surrealista intorno agli anni Trenta; il militante documentarista della Guerra civile spagnola e della Seconda guerra mondiale; il reporter degli anni Cinquanta e Sessanta; l’artista più intimista dagli anni Settanta in poi. Con l’occasione Sguardi pubblica alcuni estratti illuminanti di interviste e conversazioni dalla raccolta Vedere è tutto appena dedicata da Contrasto a Cartier-Bresson.

Si passa poi a due nomi molto conosciuti della fotografia italiana: Mario Dondero e Fulvio Roiter. Il primo è al centro del libro, pubblicato da Laterza, Viaggio nel fotogiornalismo da Budapest a New York: i grandi eventi del XX secolo raccontati e vissuti da un fotoreporter che nella sua intensissima vita ha saputo coniugare spirito nomade, impegno civile e curiosità per l’altro («non è che a me le persone interessino per fotografarle, mi interessano perché esistono. Diversamente, il fotogiornalismo sarebbe soltanto una sequenza di scatti senz’anima»). Fulvio Roiter è invece l’autore di due viaggi fotografici proposti in contemporanea a Vigevano: il primo, iniziato con un viaggio nella campagna umbra nel 1954, è ispirato al Cantico delle Creature di San Francesco, il secondo presenta immagini realizzate nell’Amazzonia brasiliana nel 1957.

In occasione dell’esposizione ad Arles del progetto Spasibo sulla Cecenia con cui ha vinto la quarta edizione dell’autorevole Premio Carmignac per il fotogiornalismo, Davide Monteleone, tra i maggiori esponenti della nuova fotografia italiana, è il protagonista dell’intervista di questo numero di Sguardi, un approfondimento sui suoi lavori - dalla Russia al Caucaso, da Lampedusa all’Ucraina - e sul suo modo di guardare attraverso il mirino.

A proposito di riconoscimenti, il vincitore dell’ultimo Premio Bastianelli opera prima per il miglior libro fotografico, Luca Nizzoli Toetti, è il primo inviato di questo numero di Sguardi con il suo Almost Europe, un lavoro di fotografia documentaria alla ricerca dell’Europa e degli europei, attraverso i gesti della quotidianità, un progetto di cammino e fotografia che si sviluppa lontano dai veloci meccanismi dei media, un viaggio da Kaliningrad a Istanbul, da Narvik a Pozzallo, da Lisbona a San Pietroburgo, cercando di trovare una risposta alla domanda: cos’è l’Europa?

E, parlando di Europa, gli allievi dell’ultima edizione del Master in reportage di viaggio sono gli inviati speciali di Sguardi a Matera: città antichissima e contemporanea, prima città del Sud d’Italia a essere nominata patrimonio dell’umanità dall’Unesco, una delle sei finaliste italiane candidate al titolo di Capitale della cultura europea del 2019.

Da Sud a Nord. Per festeggiare i suoi dieci anni di attività, il Museo di Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo mette in mostra i propri capolavori, con un grande allestimento alla Triennale di Milano che valorizza cento importanti opere acquisite nel decennio e propone contemporaneamente una mostra consacrata al Sud d’Italia con opere dalle sue collezioni.

Infine, le news: dedicate alle fotografie di Gianni Berengo Gardin sul passaggio quotidiano di mastodontiche navi da crociera nel Canale della Giudecca di Venezia; a un libro fotografico sul gesto femminista che racconta la “rivolta delle donne” nel corpo, nel lavoro, nell’arte; alla nuova edizione del festival internazionale Cortona On The Move di fotografia “in” viaggio.

Buone visioni e letture - e buoni viaggi - con Sguardi.

[Antonio Politano]