Pavia, Tour fotografico

A cura di: Claudia Rocchini

Un'iniziativa dedicata alla scoperta fotografica, storico/artistica e gastronomica di una delle più suggestive città d'Italia


Un pacchetto formativo che prevede, oltre al tradizionale corso fotografico, un vero e proprio viaggio storico e artistico nel fascino del passato grazie al supporto di guide turistiche abilitate, e con un occhio di riguardo all'aspetto enogastronomico, con pausa pranzo presso trattoria tipica.


Pavia, città un tempo dalle 100 torri, con un centro storico che offre molteplici possibilità di ripresa e un fiume, il Ticino, da cui è possibile immortalare uno dei panorami più caratteristici della città: il Duomo con il Ponte Coperto sullo sfondo. Il centro storico di Pavia è racchiuso in un quadrato percorribile a piedi: le due vie principali formano una croce le cui estremità distano poche centinaia di metri, dal Ponte Coperto al Castello Visconteo da una parte, dalla statua della Minerva al Municipio dall'altra. All'interno, numerose chiese, monumenti e palazzi storici, le torri, oltre alla piazza centrale dominata dal Duomo. Il programma prevede un percorso sulle rive del fiume e nel centro storico, per una lunghezza complessiva di circa 8 chilometri.

Grazie alla collaborazione con GuidePavia.it, saremo accompagnati da una Guida turistica abilitata che illustrerà le caratteristiche storico/artistiche dei luoghi scelti per il Tour.
Perché la Guida turistica in un Tour fotografico? Non solo per avere cenni storici che contestualizzano le opere, ma anche per soffermarsi fotograficamente su quei dettagli artistici di rilevante importanza, e spesso poco noti oltreché poco fotografati, che rendono unico lo scatto.

E non poteva mancare il lato culinario: pranzeremo presso l'Antica Trattoria Ferrari, una delle più rinomate e prestigiose trattorie pavesi. All'interno di locali arredati con mobili d'epoca e stampe antiche, sarà offerta - in convenzione - una degustazione della gastronomia tipica locale, accompagnata da vini d'Oltrepo.

PROGRAMMA

9.45 - Ritrovo presso il parcheggio del Ponte dell'Impero. Dopo un breve briefing, attraverseremo il ponte da dove fotograferemo uno dei principali scorci panoramici pavesi: il Duomo con il Ponte Coperto sullo sfondo.

10.30/11.00 - Dal Ponte dell'Impero scenderemo sulla riva del Ticino, attraversando l'Area Vul, il parco cittadino più amato dai pavesi, per dirigerci verso il Ponte Coperto, che dista poche centinaia di metri.

11.00/12.15 - Riprese presso il Ponte Coperto e il Borgo Basso.
Il Ponte Coperto di Pavia, con le sue caratteristiche cinque arcate, collega la parte storica della città, sulla riva sinistra del Ticino, al quartiere di Borgo Ticino.
Il ponte attuale è la ricostruzione del 1951 di un antico ponte medioevale (XIV sec.), distrutto durante i bombardamenti della Seconda guerra mondiale. Subito dopo il ponte, troviamo una statua in bronzo che ritrae una lavandaia, simbolo delle donne che nei secoli scorsi lavavano i panni dei cittadini nel fiume. Il Borgo Basso, contraddistinto dalle caratteristiche case basse multicolori, è soggetto a periodiche esondazioni del fiume, in piena mediamente ogni 10 anni. L'acqua, nelle piene più importanti, ha raggiunto i primi piani delle case.

12.15/13.45 - Pranzo presso l'Antica Trattoria Ferrari, distante circa 300 metri dal Ponte Coperto, di fronte alla Chiesa romanica di Santa Maria in Betlemme. Il pranzo, in convenzione a €15, da saldarsi in loco, prevede primo e secondo a scelta tra tre primi e tre secondi, contorno, acqua, calice di vino e caffè. Possibilità di menu alla carta fuori convenzione.

14/15.30 - Ponte Coperto, Basilica di San Michele Maggiore e viette del centro storico.
Attraverseremo il Ponte Coperto con soste per le riprese sia dall'interno del Ponte sia dall'altra riva. Ci dirigeremo quindi verso la Basilica di San Michele Maggiore, chiesa dall'antica origine longobarda, poi ricostruita in epoca romanica, del quale è uno dei massimi esempi lombardi. Di particolare pregio la facciata in arenaria, ricca di rilievi raffiguranti animali mostruosi e l'interno, dove venivano incoronati i re, tra cui Federico Barbarossa nel 1155. Sosteremo per riprese esterne e interne.

15.45/16.30 - Chiesa di San Tommaso, Cupola Arnaboldi, Torri, Università.
San Tommaso, sede dal 1300 di un convento domenicano, soppresso poi nel 1786, è oggi sede universitaria. Interessante la facciata caratterizzata dallo splendido rosone centrale con decori a stampo in terracotta. A seguire la Cupola Arnaboldi, nata come centro di contrattazione commerciale alla fine del 1800, colpisce per la piazza ottogonale centrale, ricca di decorazioni di derivazione classicheggiante. Dalla Cupola Arnaboldi ci sposteremo verso Piazza delle Torri. Pavia nel medioevo era detta la "città dalle cento torri". Oggi ne sopravvivono, integre, soltanto cinque. Erano torri gentilizie, fatte costruire dalle famiglie più importanti della città per dimostrare il proprio potere: più alta era la torre, più la famiglia era ricca. Proseguiremo per L'Università di Pavia, una della più antiche d'Italia: voluta dai Visconti, l'edificio centrale è stato rifatto per volere di Maria Teresa d'Austria. I cortili - molto simili al cortile della Pinacoteca di Brera - sono impreziositi dalla struttura a serliane (ogni arcata è sostenuta da una doppia coppia di colonne) dei portici e dei loggiati.

16.30/18.30 - Chiesa di Santa Maria del Carmine, Piazza della Vittoria, Piazza del Duomo, Chiesa di San Teodoro.
Dai suggestivi cortili dell'Università ci dirigeremo verso la Chiesa di Santa Maria del Carmine, tra i più begli esempi di architettura del periodo gotico lombardo. L'imponente facciata, che domina la piazza omonima, contiene un elaboratissimo rosone in cotto, raffigurante teste di angeli.
Proseguiremo verso Piazza della Vittoria, la piazza principale della città, circondata da portici, che si presenta ancora oggi così come era stata voluta nel 1300 dai Visconti.
Qui aveva sede il potere civile, rappresentato dal Palazzo del Broletto, e il mercato, del quale rimangono ancora le pietre rotonde sul selciato, a delimitare gli spazi dei banchetti. Subito dietro la piazza, arriviamo al Duomo di Pavia dalla storia complessa, è un susseguirsi di stili e di materiali. Iniziato alla fine del Quattrocento su progetto del Bramante, venne completato solo nel XIX secolo. A fianco del Duomo era situata la Torre civica, di cui si ha menzione fin dal 1330, ulteriormente innalzata nel 1583 da Pellegrino Tibaldi e crollata il 17 marzo 1989. Sono ancora visibili parti delle fondamenta. Per finire, attraversando le viette che portano al fiume, visiteremo la Chiesa di San Teodoro, di architettura tardoromanica, con un interno impreziosito da affreschi cinquecenteschi, tra i quali spicca la prima veduta aerea della città, opera di Bernardino Lanzani, in cui è rappresentata Pavia durante l'assedio delle milizie francesi.

18.45 Chiusura Tour
Da San Teodoro ci dirigeremo verso il parcheggio del Ponte dell'Impero, che dista circa 300 metri dalla chiesa, dove terminerà il Tour.

Si puntualizza che ogni monumento/edificio storico indicato dal programma sarà soggetto a soste per riprese e spiegazioni storico/artistiche.
Riguardo le chiese, laddove possibile e compatibilmente con gli orari di apertura e delle messe, sono previste anche visite interne.

MASTER TOUR

Claudia Rocchini, docente Nikon School, giornalista e fotografa.
Massimo Pighetti - Assistente Master

DATA TOUR

Sabato 12 maggio 2018

MEDIA PARTNER

PmStudioNews, network di professionisti diventato negli anni un punto di riferimento nel settore fotografico, grazie alla produzione di video, test, tutorial, interviste e news sul mondo della fotografia.

GRADO DI DIFFICOLTÀ E ATTREZZATURA

Il Tour è dedicato agli appassionati di fotografia, sia principianti sia evoluti.
Non è indispensabile possedere fotocamere reflex. Durante la giornata verranno illustrate le basi della ripresa fotografica, con focus sulla composizione, sul punto di ripresa e sulla gestione della luce.
Per i possessori di fotocamere reflex sono consigliati obiettivi grandangolari, almeno un 24mm. Per le riprese degli interni delle cupole del Duomo e della cupola Arnaboldi, si suggerisce un 12mm. Riguardo il treppiede, è a libera scelta del partecipante: si tenga tuttavia conto della ricchezza del programma che non consentirà soste prolungate.


POST TOUR

Tutti i partecipanti potranno iscriversi, dopo l'evento, al Gruppo di lavoro su Facebook dedicato e riservato agli allievi dei corsi e gestito dal master.
Il gruppo - chiuso - è pensato e gestito per permettere di pubblicare fotografie al fine di ottenere pareri, suggerimenti e consigli.

NUMERO MASSIMO DI PARTECIPANTI: 25

Gli accompagnatori, esclusi dal numero massimo, potranno seguire il Tour (purché non fotografino) versando un contributo di € 25 per la guida turistica, e l'eventuale pranzo. Durante il Tour sarà presente un assistente del Master di supporto ai lavori.


IMPORTANTE

In caso di mancata partecipazione, la quota versata non viene restituita. Solo in caso di rinvio dell'evento, la quota versata sarà trattenuta per il successivo Tour in programma.


CONDIZIONI METEO

L'appuntamento si terrà in ogni condizione meteo, salvo eventi eccezionali.
L'organizzazione si riserva di rimandare il tour con un preavviso minimo di 24 ore.

CONTRIBUTO TOUR

€ 100 da versarsi all'atto dell'iscrizione, tramite bonifico bancario.
Il pranzo in convenzione - non incluso nella quota del tour - ha un costo di € 15 e va saldato direttamente presso l'Antica Trattoria Ferrari.
Per iscriversi inviare mail a tourpavia@gmail.com
Ai partecipanti verranno consegnati gadget gentilmente offerti da Nikon.