Etiopia: Tour fotografico nella Valle dell'Omo

A cura di: Franco Cappellari

DAL 18 AL 26 GENNAIO 2021


DURATA: 9 GIORNI / 8 NOTTI


Il sud ovest dell'Etiopia, protetto a Nord dai monti Abissini, isolata a ovest dalle paludi del Nilo e a sud dal deserto del Kenya settentrionale, è una regione di difficile accesso, esplorata nel 19° secolo da Vittorio Bottego. Attraversata dal placido fiume Omo, che dopo un percorso di circa 1000 km sfocia nel lago Turkana, sulle cui opposte sponde si trovano due dei più remoti e selvaggi parchi nazionali dell'Etiopia: l'Omo, sulla riva occidentale, e il Mago su quella orientale. Entrambi sorprendenti per un incredibile mosaico di etnie dedite all'allevamento di grandi mandrie, fonte principale del loro sostentamento ed elemento centrale delle culture tribali. Nonostante la relativa concentrazione geografica grande è la varietà di etnie, caratterizzate da costumi, architettura degli insediamenti e rituali assolutamente peculiari. L'identità etnica e l'appartenenza al gruppo sono ancora fortemente marcate ed enfatizzate nella cura del corpo che viene decorato con particolari scarificazioni e body painting, simboli d'appartenenza antropologico talvolta faticoso e scomodo, con pernottamenti in hotel di categoria turistica.

PROGRAMMA DEL VIAGGIO:


PRIMO GIORNO, 18 Gennaio 2021

ITALIA / ADDIS ABEBA

Arrivo in serata all'aeroporto internazionale Bole. Dopo aver sbrigato le formalità di sbarco e ottenuto il visto d'ingresso incontro con la guida e trasferimento in hotel per il deposito dei bagagli. In base all'orario di arrivo decideremo con l'ausilio della guida e del Master Photographer se espletare delle visite. Pernottamento in hotel Best Western o similare.

SECONDO GIORNO, 19 Gennaio 2021

ADDIS ABEBA - LAKE ZWAY (KM 200 - 4 ORE CIRCA)

Dopo colazione partenza per il lago Zway, uno specchio d’acqua situato nel cuore del paese a circa 200 chilometri a sud dalla capitale Addis Abeba, all’interno della Rift Valley.Il lago si sviluppa su una superficie di 440 chilometri quadrati con un bacino di oltre 7.000 chilometri quadrati. Gli affluenti principali sono i fiumi Meki e Katar, rispettivamente situati a ovest e a est. L’area del lago è punteggiata di imponenti acacie e suggestivi alberi di papiro, utilizzato dalla popolazione della zona per la costruzione delle barche. Il lago Zway è un vero paradiso della fauna. Qui si possono ammirare decine di specie di uccelli, mentre le acque sono il rifugio di centinaia di ippopotami da immortalare con la macchina fotografica. Escursione in barca e visita a uno degli antichi monasteri che sorgono sulle isole del lago. Pranzo in ristorante, cena e pernottamento in hotel Haile Resort o similare.

TERZO GIORNO, 20 Gennaio 2021

LAKE ZWAY - ARBA MINCH (KM 330 - 7 ORE CIRCA)

Partenza per Arba Minch (“quaranta sorgenti” in amarico), principale centro urbano della zona e punto di accesso alla valle dell’Omo e ai suoi parchi nazionali (Omo, Mago e Nechisar). Il percorso è molto interessante: ai lati della strada asfaltata scorre il paesaggio ricco di vegetazione e puntellato di villaggi e piccole cittadine. Circa una quarantina di Km prima di Arba Minch si devia per raggiungere Chencha, per un primo contatto con il variegato caleidoscopio etnico dell’Etiopia meridionale con una visita a un villaggio Dorze, famosi per i lavori di tessitura e la caratteristica forma ad alveare delle loro capanne ricoperte da foglie dell’albero detto falso banano. Pranzo in ristorante, cena e pernottamento in hotel Paradise Lodge o similare.

QUARTO GIORNO, 21 Gennaio 2021

ARBA MINCH - JINKA (250 KM - 7 ORE)

Dopo la prima colazione si parte per un'escursione sul lago Chamo, il terzo lago più grande d'Etiopia, dove si potranno ammirare moltissimi ippopotami e coccodrilli, oltre a una grande varietà di uccelli.
Si prosegue per Jinka. Visita al caratteristico mercato settimanale di Key Afer.
Successivamente si visita un villaggio Ari, una popolazione che occupa un territorio molto esteso, posseggono grandi mandrie, producono il miele, la grappa locale di mais e molti prodotti artigianali che spesso rivendono.
Pranzo a picnic, cena e pernottamento in hotel Eco Omo Lodge o similare.

I MERCATI DELLA VALLE DELL'OMO
In numerose cittadine e villaggi della Valle dell'Omo si tengono animati mercati a cadenza settimanale che danno l'occasione di osservare numerosi rappresentanti delle diverse etnie. Una visita a questi mercati è così un'eccellente occasione per scattare fotografie. Dati i lunghi tempi di percorrenza tra una tappa e l'altra queste visite sottraggono tuttavia tempo ad altre attività, ma saranno sicuramente momenti interessanti per cogliere ritratti ambientati unici.


QUINTO GIORNO, 22 Gennaio 2021

VENERDÌ 22 GENNAIO: JINKA - TURMI (250 KM - 7 ORE)

Dopo la prima colazione partenza per la visita a un villaggio Mursi all’interno del Mago National Park. L’incontro con la popolazione dei seminomadi Mursi è uno dei momenti più significativi del viaggio. Le donne Mursi, per bellezza, usano mettere piattelli circolari di argilla nelle labbra, gli uomini presentano sulla pelle scarificazioni che indicano il numero di animali selvatici uccisi o dei nemici uccisi in battaglia. Rientro a Jinka per il pranzo e proseguimento per Turmi. All’arrivo visita a un villaggio Hamer, una popolazione di circa 45000 individui che vivono di agricoltura e allevamento, noti per le decorazioni corporee e la cerimonia del Salto del Toro che segna il passaggio dei giovani alla vita adulta.

IL SALTO DEL TORO
Il Salto del Toro non è una cerimonia pubblica con date e orari prestabiliti e conosciuti. Si tratta di un rito famigliare il cui svolgimento, generalmente dopo la mietitura tra Settembre e Marzo, viene diffuso a livello locale con pochi giorni di anticipo e attraverso canali informali. Nel corso del soggiorno a Turmi e delle visite ai mercati le guide cercheranno di reperire informazioni sull'eventuale svolgimento nei dintorni di qualche cerimonia, negoziando la partecipazione di visitatori esterni, di norma concessa dietro pagamento di una somma in denaro (extra non incluso nella quota di partecipazione) alle famiglie dei partecipanti al rito di iniziazione. Non è pertanto garantita la partecipazione che dipende essenzialmente dalla fortuna. Questi riti di svolgono spesso in località remote e talvolta difficilmente raggiungibili, che possono richiedere lunghi percorsi in auto - lungo piste sterrate – se non a piedi.

Pranzo in ristorante, cena e pernottamento in hotel Buska Lodge o similare.

SESTO GIORNO, 23 Gennaio 2021

TURMI: ETNIE DESSANECH E KARO (280 KM - 8 ORE)

Si prosegue per Omorate, sulle sponde dell'Omo nei pressi del confine con il Kenya, per visitare i villaggi Dassanech dei dintorni. Questi sono un popolo di guerrieri che durante le danze tradizionali indossano un copricapo che ricorda la criniera dei leoni. Nel pomeriggio, visita a Kortcho, villaggio Karo, una popolazione nilotica i cui componenti vantano corporatura imponente e atletica e, sia gli uomini che le donne, riservano molta cura nell'acconciarsi i capelli. Rientro a Turmi nel tardo pomeriggio.

In alternativa alla visita di Omorate o di Kortcho è possibile visitare il colorito mercato del Sabato di Dimeka. Pranzo a picnic, cena e pernottamento in hotel Buska Lodge o similare.

SETTIMO GIORNO, 24 Gennaio 2021

TURMI - ARBA MINCH: ETNIE ARBORE' E KONSO (290 KM - 6 ORE)

Presto al mattino partenza per Arba Minch. Lungo la strada visita al villaggio Arbore, una tribù che usa gioielli fatti di perline e alluminio. Particolarissime le loro collane che vengono avvolte intorno al collo in vari fili. Pranzo al sacco. Si prosegue il viaggio facendo una sosta a Gamole, un villaggio tradizionale dei Konso, una popolazione dedita all'agricoltura, con elaborati terrazzamenti e opere irrigue, e noti anche per i wagas, steli antropomorfe in legno intagliato che marcano le sepolture dei membri più in vista della comunità. Pranzo a picnic, cena e pernottamento in hotel Paradise Lodge o similare.

OTTAVO GIORNO, 25 Gennaio 2021

ARBA MINCH - YIRGALEM - HAWASSA (360 KM - 6 ORE)

Dopo la prima colazione partenza per Yirgalem. Dopo l'arrivo si effettuerà un breve trekking nella foresta alla ricerca delle 100 e più specie di uccelli che la popolano; si visita inoltre un villaggio di coltivatori di caffè. Al termine della visita si raggiunge Hawassa.
Pranzo a picnic, cena e pernottamento in hotel Haile Resort o similare.

NONO GIORNO, 26 Gennaio 2021

HAWASSA - ADDIS ABEBA (275 KM - 5 ORE)

Visita al mercato del pesce di Hawassa sulle sponde dell’omonimo lago, il più piccolo della Rift Valley, che sorge nella caldera di un antico vulcano e permette di osservare molte varietà di uccelli acquatici, alcuni dei quali endemici. Prosecuzione per Addis Abeba con pranzo lungo la strada. Nel pomeriggio tempo a disposizione per gli ultimi acquisti. Camere in day use per relax prima di cena (una camera ogni 3 pax). Cena in un ristorante tipico con canti e balli tradizionali e trasferimento in aeroporto.
Termine dei servizi.
Pranzo e cena in ristorante.


QUOTE DI PARTECIPAZIONE

3800,00 euro

Ammessi accompagnatori non fotografi.

Massimo 8 partecipanti


PRENOTAZIONI ENTRO IL 30 SETTEMBRE 2020

Cambio applicato all'elaborazione del catalogo 1 euro = 1,1 US$
Eventuali adeguamenti valutari saranno richiesti entro i 21 giorni dalla partenza.

LA QUOTA COMPRENDE:

• trasferimenti come da programma;
• trattamento di pensione completa;
• pernottamenti in hotel di categoria turistica nelle strutture indicate nel programma o similari;
• assistenza di guida locale parlante italiano coadiuvata da autisti locali;
• Master Photographer Nikon School Travel, Franco Cappellari;
• trasferimenti e trasporti nel Sud in 4x4 (max 4 passeggeri per veicolo oltre l’autista);
• visite, escursioni e attività come da programma.

LA QUOTA NON COMPRENDE:

• voli e tasse aeroportuali: la Silchy Viaggi è disponibile per trovare la proposta più economica e comoda in base alle esigenze personali;
• assicurazione annullamento, medico, bagaglio e ritardo volo (3,5% del totale del viaggio), fortemente consigliata;
• visto d’ingresso di US$ 50;
• supplemento camera singola euro 300;
• bevande, visite, attività e trattamenti non espressamente indicati;
• mance, facchinaggi ed extra di genere personale;
• adeguamento valutario;
• eventuali spese per la consegna di bagagli in ritardo.

VIAGGIARE IN ETIOPIA

Questo viaggio è un'esperienza basata sull'incontro con una cultura differente dalla nostra: un tuffo nel passato, con la visita dei più importanti siti a testimonianza del ricco percorso storico del paese e nel suo presente proiettato nel futuro ma vissuto con profonda religiosità e tradizione. Il rispetto e lo spirito di adattamento sono le due parole chiave: l'educazione all'approccio, nel prendere foto, nell'interagire con le persone, il rispetto dei luoghi sacri e delle tradizioni contribuisce alla buona riuscita del viaggio. Non dimentichiamoci mai di essere in un paese in via di sviluppo e in zone molto remote con un afflusso turistico decisamente inferiore ad altri paesi africani: la precarietà delle strade, la scarsezza delle soluzioni alberghiere veramente spartane e dei tempi "rigorosamente" africani metteranno a dura prova la vostra pazienza. È richiesto un buon spirito di adattamento a causa delle strutture alberghiere in particolare fuori dalla capitale. Nonostante siano scelte tra le migliori lungo le tappe toccate dal nostro circuito (in base alle disponibilità al momento delle prenotazioni) si tratta di strutture mediocri. La scarsa manutenzione, il personale – seppur molto gentile – senza troppe qualifiche fanno si che la loro funzionalità non sia sempre all'altezza delle nostre aspettative. Consigliati una federa copri cuscino e un sacco letto leggero. Le strade dell'Etiopia sebbene in via di miglioramento presentano, anche nei casi in cui sono asfaltate, una manutenzione talvolta carente. Questo in particolare nella regione dell'Omo nonostante i progressi delle rete seguiti alle grandi opere infrastrutturali lungo il fiume. Sono frequenti panne del sistema idrico e capitano molto spesso degli overbooking in particolare in alta stagione o durante festività molto frequentate. Alcuni hotel non dispongono di acqua calda. Con intelligenza, un po' di pazienza e flessibilità il viaggio risulterà un'esperienza indimenticabile grazie alla ricchezza culturale di queste regioni e alla spontaneità dei loro abitanti che ricompenserà appieno ogni vostro sforzo.
Pasti a picnic oppure in ristoranti o negli hotel con menu turistico: cucina internazionale, semplice, un po' ripetitiva ma gustosa.
Per le visite di chiese e monasteri si consigliano calze e cuffie per i piedi.

DOCUMENTI NECESSARI: Passaporto in originale e in corso di validità di minimo 6 mesi, con almeno una doppia pagina vuota per i timbri d’ingresso e uscita.

ABBIGLIAMENTO CONSIGLIATO: Abbigliamento leggero, impermeabile e dai colori neutri, scarponcini da trekking.

ATTREZZATURA CONSIGLIATA: Obiettivo zoom grandangolare, per foto paesaggistiche e ritratti ambientati; Obiettivo 50/85 mm per fotografia di ritratto; Obiettivo medio tele (70-200 o similare); Obiettivo tele (da 300mm in su); Filtro polarizzatore; Batterie di ricambio;
Cavalletto.


NOTA BENE:
l'itinerario è da considerarsi come indicativo e l'organizzazione farà di tutto per rispettare il programma di viaggio. In base a eventi atmosferici, imprevisti o opportunità fotografiche, alcune escursioni potrebbero essere posticipate o anticipate.
Eventuali decisioni verranno prese in gruppo, avvalendosi dell'esperienza e dei suggerimenti del fotografo accompagnatore d ella guida locale.

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI



Chiedere di Silvia Berardo - silviaberardo@silchy.it
Via Carlo Alberto 7 - 10040 Leinì (TO)
Tel 011-_997.40.26



MASTER PHOTOGRAPHER: Franco Cappellari
Franco Cappellari, Nikon Professional Service, svolge attività di freelance, fotografo-pubblicista, e collaboro fra gli altri con Nikon Italia, Touring, National Geographic, Bell'Italia, Latitudes Travel Magazine, Panorama Travel, In Viaggio, Turismo e Attualità, Adesso, Vanity Fair, Progresso Fotografico, NPhotography, Fotocult, Il Fotografo, L'Espresso, The Gate, Regione Puglia, Regione Molise, Azienda Promozione Turistica della Toscana, e numerosi Enti del Turismo Esteri.
Tra i più importanti: Argentina, Cina, Cipro, Israele, Kenya, Malesia, Nicaragua, Norvegia, Québec, Spagna, Sudafrica e Venezuela, per i quali ho realizzato la documentazione fotografica successivamente utilizzata per la promozione turistica.
Ricco è anche l'elenco delle mostre personali e collettive alle quali ho partecipato ed i riconoscimenti che ho ricevuti:

- Minimalist Photography Awards – Second prize “Aerial category”
- Minimalist Photography Awards – Honorable Mention “Landscape”
- Fotorbit India International Salon - Second prize category "Travel"
- Siena International Photography Awards 2018 - Ramarkable Awards
- Siena International Photography Drone Awards 2018 - Commended
- One Eyeland Photography Awards 2017 - Photographer of the Year (Italy)
- One Eyeland Photography Awards 2017 - Nature - Aerial - Silver
- Epson International Pano Awards 2017 - Silver Awards
- International Photograher of the Year 2017 - Honorable Mention - Landscapes
- International Photograher of the Year 2017 - Honorable Mention - Aerial
- Siena International Photography Awards 2017 - Honorable Mention - Color
- One Eyeland - World's Top 10 Landscape Ph. 2017 - Aerial Pattern - Winner
- One Eyeland - World's Top 10 Landscape Ph. 2017 - Italy's - Winner
- One Eyeland - World's Top 10 Landscape Ph. 2017 - Aerial Photo - Winner
- One Eyeland - World's Top 10 Landscape Ph. 2017 - Second prize
- Prix de la Photographie 2017 - Paris - Third Prize - Nature
- IMS Photo Contest 2017 - Mountain Photo of the Year - Top 101 Photos

- Prix de la Photographie 2017 - Paris - Third Prize - Nature
- Oasis Photo Contest 13 edizione - Honorary Mention - Landscape
- Fine Art Photography Awards 2016 - Second Prize - Nature
- One Eyeland Awards 2016 - Second Prize - Nature
- One Eyeland Awards 2016 - Third Prize - Aerial
- International Photography Award 2016: Honorable Mention - Climate Change
- International Landscape Photographer of the Year 2016 - Top 101 Award
- Neutral Density Photography 2016: 2nd place - Architecture
- Siena International Photography Awards 2016: Honorable Mention - Wine
- International Photography Award 2016: Honorable Mention - Architecture
- International Photography Award 2016: Honorable Mention - Nature - Aerial
- Prix de la Photographie 2016 - Paris - Second Prize - Nature
- Moscow International Foto Awards 2016 - Winner - Nature - Aerial
- International Color Awards 9th: Winner - Aerial Photos Category
- International Photography Award 2015: Honorable Mention - Nature - Aerial
- Siena International Photography Awards 2015: Honorable Mention - Nature

Alcune mie opere sono state esposte all'Expo di Shanghai nel 2010, e nei Padiglioni della Cina e del Kenya all'Expo di Milano 2015. Sono Master Photographer per i workshop di Nikon School e Nikon School Travel.