Il mio mare infinito, la sua forza, i miei pensieri

A cura di: Monia Mura

di Monia Mura

Amo il mare, ne ho rispetto ed al tempo stesso paura. Sono nata e vivo su un'isola, da sempre il rapporto con lui è stato molto forte, un legame a cui non si può rinunciare.
Amare il mare per me non significa nuotare tra le sue onde, praticare sport d'acqua, prendere il sole nelle calde giornate estive. Per me significa affidargli i miei pensieri e confidarmi con lui, osservarlo nella sua infinità, chiedergli un perché e conservare lo spettacolo che mi regala, le emozioni che mi da, attraverso una fotografia.

Vai alla galleria immagini

Lui è capace di regalare molti stati d'animo, è lì che ascolta quello che c'è nel tuo cuore e certe volte con il suo movimento ondulato sembra comunicare qualcosa, che voglia dare una risposta.
D'estate regala la vitalità della spiaggia, gli spruzzi d'acqua di chi gioca tra le sue onde mettono gioia, eppure io lo preferisco d'inverno, quando i colori si fanno più saturi, quando si dimostra più forte schiantandosi maestoso contro gli scogli.
È questo il mare che preferisco: forte, maestoso che incute paura e pretende rispetto, quando per le spiagge c'è poca gente e posso stare sola con lui, inosservata e indisturbata.

Perché ci sono giorni in cui non capisco il senso della vita, di ciò che accade nel mondo e di quello che mi capita, momenti in cui ho bisogno e voglio star sola per pensare e per capire.
Quando provo rabbia e non riesco a stare in mezzo agli altri, prendo la macchina fotografica e vado al mare, mi lascio il mondo con tutti i suoi problemi alle spalle, in quel momento non sono più sola, mentre fotografo le sue onde ritrovo la mia pace interiore, guardo il mondo attraverso il mirino, tutto mi sembra diverso è come se sentissi più forti le emozioni: lo scatto è il mezzo per comunicare le sensazioni di questi momenti.

Vai alla galleria immagini

Queste sono le fotografie con gli errori, tecnicamente imperfette, sottoesposte, con dominanti di colori, ma sono quelle che racchiudono un sentimento, un'emozione, solitamente hanno una forza espressiva capace di coinvolgere anche una persona che non ha vissuto la mia esperienza o il mio stato d'animo.
Difficile dire cosa provo realmente, ma quando mi ritrovo sola sulla spiaggia, il mio sguardo si perde nei bellissimi colori del mare, il vento tra i capelli, l'aria fredda tagliente sul viso e sulle mani. Tutto assume un valore diverso, attorno non c'è più nulla e ogni problema o pensiero negativo si perde nel verde profondo del mare d'inverno.

Il mare è lì, maestoso come sempre, noi siamo talmente piccoli, invisibili al suo confronto… ed io non posso fare a meno di fotografarlo per raccontarlo a chi non riesce a vivere queste emozioni.

Vai alla galleria immagini