Thailandia del nord e festival del buffet delle scimmie

Workshop fotografico a cura dell'Associazione Fotografica Culturale "Festival nel Mondo"

DAL 23 NOVEMBRE AL 4 DICEMBRE 2017


Il fascino esotico dell'oriente e di antiche culture. Suggestivi paesaggi e contrastanti stili di vita. Un singolare Festival dedicato ai simpatici macachi. Incontri e conoscenze di etnie tipiche. Questo e molto altro caratterizzerà il nostro viaggio fotografico, rendendolo una piacevole avventura.

PROGRAMMA DETTAGLIATO:


GIOVEDÌ 23 NOVEMBRE

Partenza con volo di linea per Bangkok.


VENERDÌ 24 NOVEMBRE

Arrivo nella mattinata a Bangkok. Trasferimento in hotel con mezzo privato a cura dell'organizzazione e sistemazione nelle rispettive camere. Dopo un breve briefing, inizieremo un tour del centro storico della città, in cui una guida ci condurrà a visitare i monumenti di maggiore interesse, tra cui il Tempio dell'Alba (Wat Arun) il Tempio del Buddha reclinato (Wat Pho) e il Gran Palazzo Reale. Seguirà una rilassante navigazione lungo il Menam Chao Phraya, tra i cui canali, avremo modo di osservare e fotografare, la vita locale e alcuni mercati. Ritorno in hotel e dopo cena, saliremo su uno dei famosi tetti dei bar di Bangkok per una spettacolare veduta notturna della città.
Rientro in hotel e pernottamento.


SABATO 25 NOVEMBRE

Poco dopo l'alba, gli eventuali volontari, potranno seguire i master nel parco Lumphini (posto nelle immediate

vicinanze dell'hotel) per fotografare l'eccentrica vita mattutina, caratterizzata soprattutto da persone che praticano il Thai-Chi.
Poi rientro in hotel per la colazione e tempo libero fino alle 13,00 quando effettueremo il trasferimento in pulmino ad Auttahya con permanenza di qualche ora. Successivamente raggiungeremo per il pernottamento, Lopburi. (colazione, pranzo, cena)


DOMENICA 26 NOVEMBRE

La giornata sarà caratterizzata dall'evento clou del nostro viaggio. Assisteremo e fotograferemo il singolare Monkey buffet Festival.
Adiacente al famoso tempio khmer Pram Sang Yot (Santuario delle tre cime) risalente al XIII secolo, verrà allestito un vasto e ricco buffet a base soprattutto di frutta e riso, dedicato esclusivamente alle scimmie che da moltissimo tempo "abitano" questo luogo.
Un singolare rituale che ha vita da quasi trent'anni a cui partecipano numerosissimi, questi simpatici primati ritenuti portafortuna dai locali.
Data la particolare indole bizzarra e litigiosa dei macachi, sarà frequente assistere a vivaci e talvolta acrobatiche dispute tra loro per accaparrarsi una determinata pietanza. Occasione quindi per scatti anche spettacolari.
(colazione, pranzo, cena)


LUNEDÌ 27 NOVEMBRE

Lasceremo Lopburi e raggiungeremo l'enorme e storico Parco di Sukkothai che potremo visitare approfonditamente. Al termine del tour nel parco, in serata saremo a Chiang Mai per la cena e pernottamento.
(colazione, pranzo)


MARTEDÌ 28 NOVEMBRE

Dopo la colazione in hotel, a bordo di fuoristrada e sempre accompagnati da una guida, attraverseremo le montagne del Nord in un viaggio più avventuroso. Effettueremo una serie di piccole tappe durante cui potremo visitare un parco naturale; un mercato delle tribù Lahu; delle sorgenti di acqua calda e delle cascate.
Infine arriveremo alla quasi millenaria città di Phayao, adagiata sulle rive dell'omonimo lago e potremo scattare foto al tramonto da un punto panoramico. Cena e pernottamento in una guesthouse locale.
(colazione)

MERCOLEDÌ 29 NOVEMBRE

Visita di Phayao. Poi si proseguirà alla volta di Chang Rai con visita all'imponente Tempio Bianco; la Casa Nera e il percorso nell'antica capitale Chiang Saen per ammirarne il tramonto. Pernottamento in guesthouse.
(colazione)


GIOVEDÌ 30 NOVEMBRE

È la giornata contraddistinta da visite a luoghi ed alcune etnie che maggiormente caratterizzano il sud-est asiatico. Sveglia e colazione di buonora per poter fotografare l'alba a Chiang Saen, poi procederemo in direzione del cosiddetto "Triangolo d'oro", ossia il punto d'incontro tra Thailandia, Laos e Myanmar. Visiteremo la Grotta delle Scimmie per poi fermarci al villaggio cinese di Mae Salong. Occasione questa per riprendere i lavori in una piantagione di tè. In seguito è prevista una sosta al villaggio di etnia Akha "Ban Lorcha" e successivamente raggiungeremo Thaton, un villaggio di etnia Karen con cui condivideremo la cena tradizionale, pernottando in una delle loro case.
(colazione)

VENERDÌ 1 DICEMBRE

Mattinata ancora a contatto delle donne Karen e delle loro attività quotidiane che saranno spunto di suggestive opportunità fotografiche. Visiteremo anche una scuola primaria e dopodiché raggiungeremo il Tempio di Thaton, dalla cui cima si gode una vista privilegiata sulla vallata. A seguire, si partirà per le spettacolari montagne di Doi Angkhang, in un tragitto che offrirà numerosi suggestivi scenari da immortalare, tra cui il confine col Myanmar.
Pernottamento in guesthouse sui Doi Angkhang.


SABATO 2 DICEMBRE

Oggi cominceremo a ridiscendere le montagne. Lungo il tragitto verso Chang Mai, avremo però ancora modo di visitare villaggi e tribù locali tra cui l'etnia Hmong e alcuni mercati tipici e infine il villaggio con le c.d. donne giraffa 'Baan Tong Luang' (entrata 500 Bath, circa 12 euro). A Chang Mai verremo accompagnati in stazione, dove ci sistemeremo nei nostri scompartimenti con cuccetta. Quindi viaggio e pernottamento in treno fino a Bangkok dove arriveremo l'indomani alle 07,30 circa.
(colazione)

DOMENICA 3 DICEMBRE

Alla stazione saremo prelevati con un pulmino e accompagnati direttamente allo spettacolare mercato galleggiante Damnoen Saduak e poi al suggestivo mercato del treno che viene velocemente sgomberato ad ogni passaggio di un convoglio. Anche qui opportunità fotografiche molto particolari!
Alle 14,30 circa saremo in hotel per un giusto riposo e giornata libera.
In serata cena in città e poi visita alla famosa Nana Plaza, centro del quartiere a luci rosse, sfavillante di luci e locali "equivoci" che lo caratterizzano. Per eventuali fotografie da "street" notturna, è previsto opportuno briefing con gli accompagnatori.


LUNEDÌ 4 DICEMBRE

Consuntivo del viaggio; consegna attestati e trasferimento in aeroporto per il volo di rientro in Italia.

COSTO DEL VIAGGIO FOTOGRAFICO

Per rendere più chiara e semplice la lettura delle quote di partecipazione, abbiamo sintetizzato al massimo le voci da ricercare per calcolare il prezzo totale definitivo. Si tratta quindi di formule all inclusive, ad esclusione del biglietto aereo. Vi invitiamo a prendere visione dei dettagli.


€ 1.400 a persona

numero partecipanti: min 4 – max 10


Al momento dell'adesione e iscrizione dovrà essere versato un acconto di 400 (quattrocento) euro ed allegata la prenotazione personale dei voli aerei. Saldo: due settimane prima della partenza.



IL COSTO INCLUDE:

• Trasferimenti da e per l’aeroporto di Bangkok
•  Pernottamenti in hotel e guesthouse come da programma dettagliato
•  Spostamenti in minivan o auto fuoristrada (comprensivi di carburante) con autista e guida parlante inglese
•  Pasti come specificato nel programma (indicato tra parentesi a inizio o fine delle attività giornaliere)
•  Posto in cuccetta nel treno notturno da Chang Mai a Bangkok
•  La maggior parte dei biglietti d’ingresso dei siti da visitare
•  Guida fotografica da parte dei master accompagnatori che supporteranno i partecipanti nell’aspetto operativo/logistico; relazionale e tecnico. Compatibilmente con i corredi fotografici posseduti dai partecipanti, sarà possibile provare obiettivi e filtri fotografici a disposizione dell’organizzazione
•  Attestato di partecipazione

LA QUOTA NON INCLUDE:

• Voli intercontinentali Roma/Bangkok e ritorno
• Bevande durante i pasti
• Mance ed extra in genere
• Assicurazione viaggio, facoltativa ma consigliata
• Tutto ciò che non è espressamente indicato nella voce "include"

N.B. durante il viaggio e compatibilmente con le tempistiche del tour, saranno previsti specifici momenti di analisi e revisione provini di quanto scattato dai partecipanti.

ATTREZZATURA FOTOGRAFICA CONSIGLIATA:

di base: fotocamera reflex o mirrorless con gamma di obiettivi in grado di coprire le focali dal 24mm al 200mm equivalenti riferite al formato 24x36 (c.d. full frame).

eventuale:
secondo corpo macchina. Grandangolo con focale inferiore al 24 mm e tele superiore ai 200 mm. Treppiede e filtri fotografici (polarizzatore; ND; NDG) Torcia elettrica frontale.

VESTIARIO/EQUIPAGGIAMENTO:

"Il clima della Thailandia è tropicale, caldo e umido, dominato dal regime monsonico… Il paese è caratterizzato da due stagioni, quella umida estiva tra maggio e ottobre e la secca stagione invernale tra novembre e aprile (quella che interessa il nostro viaggio). I mesi tra marzo e maggio sono i più caldi dell'anno. La stagione delle piogge arriva con il monsone di sud-ovest, a partire dal mese di maggio e dura fino a tutto il mese di ottobre.

La capitale Bangkok ha un clima tropicale caldo e umido. Dicembre è il mese più fresco con temperature medie massime di 31°C e medie minime di 21°C. Il nord e il nord-est del paese è generalmente più fresco della capitale, la città di Chiang Mai presenta sempre un clima tropicale, ma meno umido e più fresco durante i mesi invernali." In considerazione di quanto sopra indicato, si consiglia per lo più abbigliamento leggero corredato da almeno una felpa per possibili serate fresche e una giacca antipioggia (tipo k-way) in caso di eventuali precipitazioni. Utile anche scarpe basse da trekking o equivalente.

VARIE ED INFORMAZIONI UTILI:

Non è prevista alcuna vaccinazione. Per entrare in Thailandia occorre il passaporto con validità almeno di 6 (sei) mesi. Non occorre il visto (necessario solo in caso di soggiorno superiore a 30 giorni). La moneta corrente è il Bath (1 euro = 40 bath circa, al momento di stesura del presente programma). L'inglese è una lingua molto diffusa in tutto il paese. La guida è a sinistra come in Inghilterra. Le prese di corrente sono di tipo universale con tensione da 220 volt e 50 Hz (come in Italia), potrebbe però essere utile un adattatore universale acquistabile ad esempio su Amazon, con pochi euro.

N.B.: fermo restando l’avere al seguito le medicine specifiche in caso di patologie personali, si consiglia comunque qualche farmaco di uso generico come aspirina; tachipirina; ecc, in caso di piccoli malanni occasionali come raffreddore o mal di testa. Eventuali piccoli snack per spuntini veloci anche in viaggio, come barrette energetiche; stick di parmigiano (tipo “Biraghini”) e cioccolata.                                                             

Per ogni ulteriore informazione e modalità di partecipazione:
www.festivalnelmondo.com

festival nel mondo

Master Photographers

ENRICO BARBINI

Nasce a Roma nel 1960 ed è laureato in scienze sociologiche. Inizia a dedicarsi alla fotografia nel 1989 quando acquista la sua prima reflex Nikon a pellicola. La sua formazione, inizialmente autodidatta, nel tempo è proseguita con frequenza di corsi avanzati e specialistici, presso qualificate scuole di fotografia. Negli anni ha preso parte a diversi workshop tematici con importanti ed autorevoli esponenti della fotografia italiana ed internazionale. Ha esposto in mostre personali e collettive e partecipato a numerosi concorsi fotografici vincendo più volte e con buone affermazioni in genere.

Molte sue fotografie e articoli di reportage sono state pubblicate sia in Italia che all'estero e in particolare sulle più diffuse e importanti riviste fotografiche italiane quali "Fotografare", "Fotografia REFLEX", "Digital Photographer" o in autorevoli siti come National Geographic e Nikon Italia. Recentemente la rivista di auto fuoristrada "Elaborare 4x4" si è occupata di lui, con un'intervista in merito all'importanza dei mezzi off-road nei suoi viaggi fotografici.
Come fotografo di scena e backstage ha collaborato alla realizzazione di alcuni servizi per la trasmissione "Easy Driver" di Rai Uno.
Da alcuni anni si dedica soprattutto ai reportage di viaggio e foto di natura e paesaggio.
Organizza e gestisce workshop e weekend fotografici e collabora alla docenza di corsi di fotografia con circoli e studi privati.

DANIELE BELLUCCI

Da sempre interessato di arti visive, (è tra l'altro il fondatore e direttore della rivista di cinema "Gli Spietati") Daniele Bellucci trova nella fotografia il mezzo che può esprimere al meglio la propria idea di sguardo.
Predilige qualsiasi reportage di viaggio, persuaso che ogni luogo sia fonte potenzialmente inesauribile di scatti memorabili; i villaggi e i paesaggi più incontaminati come le città che il turismo di massa ha reso visivamente più logore.

Nella perseverante attesa di congiunture le cui componenti il caso decida di disporre in una possibile armonica composizione, si diverte a coglierne il lato ironico, i contrasti, gli ossimori, lo straniamento degli elementi.
Appassionato di volti è sempre alla ricerca del ritratto non banale, preferibilmente colto non in posa.
Ha viaggiato in decine di paesi nel mondo ed esposto in numerose gallerie di Roma, partecipato a collettive, vinto concorsi.
Nikonista da sempre.