Come prevedere la profondità di campo

A cura di: N Photography

 

PASSO PASSO

È facile tenere i tuoi soggetti nitidi e a fuoco anche quando non sono al centro dell’immagine.

USA IL MIRINO
Con il mirino vedi la scena con il diaframma più aperto possibile, qualsiasi sia il valore selezionato, quindi la profondità di campo è quella minima.

PREMI PER UN'ANTEPRIMA
Molte D-SLR hanno un pulsante
per l’anteprima della Profondità
di Campo. Premendolo si chiude
il diaframma al valore selezionato.

NON CONSIDERARE LA LUMINOSITA
Usando il pulsante d’anteprima, l’immagine è più scura e meno leggibile. Puoi comunque farti un’idea sulla profondità di campo effettiva.

USA IL LIVE VIEW
Se la tua fotocamera non ha il
pulsante di anteprima, usa il Live
View. Per valutare l’effetto di diverse
aperture di diaframma, esci e rientra.

GUARDA DA VICINO
In Live View puoi zoomare in
ogni parte dell’inquadratura
per stimare la nitidezza. Sposta l’area
selezionata usando il multi selettore.

VERIFICA LO SCATTO
Dopo lo scatto, puoi guardare la foto in maniera ravvicinata, usando lo stesso pulsante per zoomare e il multi selettore per spostarti.

 

 PER METTERE IN PRATICA Esercitazione sulla profondità di campo

Questo esercizio serve a migliorare la tua conoscenza e la tua capacità di controllo della Profondità di Campo

La Profondità di Campo è più limitata a poca distanza, quindi lavorare sulla piccola superficie di un tavolo rende i risultati degli esperimenti più facilmente visibili. Noi abbiamo utilizzato il gioco del Monopoli, ma tu puoi usare bottiglie, lattine, tazze e ogni altra diavoleria che puoi trovare nella tua cucina. Se possibile utilizza un treppiedi per escludere il fattore mosso, in questo modo ogni mancanza di nitidezza sarà da attribuire solo alla Profondità di Campo.
Se non hai un treppiedi, scatta in una stanza luminosa e ad alta sensibilità (prova 1000Iso) per avere tempi ragionevolmente rapidi mentre sperimenti con tutti i diaframmi. Inquadra il tuo “still life” impostando lo zoom alla focale massima (in genere 55mm). Metti a fuoco sul punto più vicino a te. Imposta la modalità d’esposizione A (Priorità dei diaframmi) e utilizza la ghiera (in alcuni modelli quella secondaria) per regolare il diaframma alla massima apertura possibile (in genere f/4-5,6). Adesso scatta una foto, poi chiudi il diaframma a f/22 lasciando inalterato tutto il resto e fai una seconda foto. Ora sposta lo zoom sulla minore lunghezza focale possibile (probabilmente sarà 18mm).
Ripeti tutti i passi di prima scattando una foto con il diaframma aperto al massimo e una a f/22. Guarda con attenzione le 4 immagini sul computer, zoomando per vedere esattamente quali soggetti sono nitidi e valuta il grado di sfocatura nelle diverse aree dell’immagine.

Probabilmente scoprirai che anche a f/22 non tutto risulta perfettamente nitido, ma che con la lunghezza focale minore hai ottenuto una maggior Profondità di Campo e una maggiore leggibilità dei soggetti che prima erano completamente fuori fuoco.

 

Tratto da