La comunicazione pubblicitaria si é ormai sposta quasi totalmente sui video. Non c’é Brand infatti che non usi i filmati per promuovere i propri prodotti e servizi. Il Web é dunque ormai stracolmo di video di qualunque genere e gli spot, un tempo appannaggio delle televisioni, sono ormai onnipresenti su YouTube e sui social piú in generale. In questo “brodo” di immagini che tentano di catturare l’attenzione dei potenziali clienti si inserisce una nuova forma di audiovisivo: La Branded Story. Si tratta di un “racconto” visivo solitamente legato ad un personaggio nel quale il prodotto viene messo in evidenza sono in modo funzionale al racconto, senza cioé apparire troppo evidente. In questa eXperience vediamo dunque il progetto “Branded Stories” che ho realizzato per la presentazione della nuova Audi A3.

Video eXperience



Il progetto

L’idea di base é stata quella di selezionare 6 personaggi noti nel territorio Perugino e affidare alle loro parole e alle loro storie il lavoro di promozione per la vettura. I personaggi si raccontano, parlando del loro lavoro, della loro filosofia, approccio, ecc. E nel far ciò creano un collegamento personale tra la loro vita e la nuova Audi A3, andando a sottolineare quali aspetti legano entrambi gli elementi. In questo modo lo spettatore é portato per mano alla scoperta dell’auto (che nel filmato arriva verso la fine) in modo inconsueto, senza che questa appaia come una pubblicitá sfrontata. Lo scopo non é vendere il prodotto, ma far immedesimare i potenziali acquirenti nel rapporto che si sviluppa con esso.

Le inquadrature

Questo progetto costituisce un vero e proprio format, che viene replicato per tutti i 6 personaggi.
In quest’ottica é stato molto importante definire le situazione e le inquadrature necessarie.
Si parte con le riprese di “driving” ovvero, le inquadrature nelle quali il personaggio é alla guida dell’auto. Riprese che vengono effettuate sia da dentro l’abitacolo, sia con piccoli passaggi esterni, solitamente in prossimità del luogo di lavoro.

Il personaggio

Poi c’é il cuore del video, ovvero il racconto del personaggio. Con un inquadratura solitamente a mezzo busto, ambientata in diverse location, ascoltiamo dalla viva voce delle persone la loro storia, le loro idee, i loro approcci e molto altro ancora. Questa inquadratura é stata realizzata facendo molta attenzione agli oggetti di scena, alla posizione del soggetto (spesso usando la regola dei terzi) e alla cura dell’audio, catturato con un microfono Lavelier per la massima resa sonora. Lo sbaglio piú grande sarebbe stato infatti quello di catturare l’audio con un microfono direzionale esterno o peggio con il microfono della fotocamera.

Le immagini di copertura

Il racconto visivo viene completato con alcune clip di copertura, i cosiddetti “fegatelli”: riprese di contesto che descrivono l’ambiente e l’ambito in cui ci troviamo. Poche clip, inframezzate nel montaggio con il resto delle immagini.

Le riprese esterne

A parte, vengono girate tutte le scene dell’auto in esterno, che per comoditá sono stare realizzate tutte in un unico giorno e successivamente distribuite nelle varie storie. In questo caso é molto importante nascondere il viso del pilota, non essendo la stessa persona della storia.
Per queste riprese, oltre che della Nikon Z6 mi sono avvalso della piccola Nikon Z 50, una fotocamera non destinata al mercato professionale, ma che condivide con la sorella maggiore autofocus e altre funzioni.
Il risultato visivo delle riprese in esterno é praticamente identico a ciò che si ottiene con la Z6 (a parte la minor sfocatura del secondo piano, derivante ovviamente da ottiche meno luminose) e mi ha consentito di creare un video professionale utilizzando anche questa piccola fotocamera.

Il montaggio

Il montaggio dei vari video segue un format ben preciso, che alterna in modo ricorrente le varie inquadrature giá citate. Le differenze riguardando ovviamente le storie dei personaggi e la musica che li accompagna, scelta oculatamente per evidenziare ancor di più il mood del video: per alcuni abbiamo musiche lente e rilassanti, per altri veloci e ritmate.

La disseminazione in rete

Un progetto di questo tipo ha come scopo primario quello di imprimere nella mente degli spettatori una certa “brand awareness” in questo caso legata all’Audi A3. Per ottenere questo risultato é stato fondamentale creare un calendario di pubblicazione di 6 settimane, che ha dato tempo e modo di poter “assaporare” le singole storie (ricondivise ovviamente nei loro canali social dagli interpreti del video) e ha creato di settimana in settimana quella sensazione di attesa per la prossima storia, legando gradualmente i potenziali clienti al Brand Audi.



Davide Vasta


Video Maker e Fotografo, si occupa di produzione video a 360° con tecniche e linguaggi creativi quali: Lip Dub, Time Lapse, Hyper Lapse, Tilt Shift. Il suo "occhio" fotografico è in costante ricerca di modi sempre creativi per descrivere una scena o raccontare un evento.

APPROFONDISCI