Ingrandisci
Ecco l’aggiuntivo Raynox 500, il Digital Camera Microscopic Lens 4x: arriva fino a un ingrandimento di 4x quando collegato alla Nikon 880

Ingrandisci
La Coolpix sul microscopio: si tratta di un Meopta da campo. Per posizionare l'obiettivo della Coolpix sull'oculare del microscopio in questo caso abbiamo utilizzato il treppiede
da tavolo Manfrotto 209 con prolunga 259B

Le fotocamere digitali sono strumenti molto flessibili, hanno cioè molti campi d'applicazione; questo mese abbiamo sperimentato la ripresa macro e col microscopio, utilizzando la Nikon Coolpix 990.

Ovviamente non possiamo attenderci gli stessi livelli qualitativi offerti da un complesso costituito da reflex con soffietto, obiettivo macro e flash.

Ma la Coolpix con un semplice aggiuntivo macro si è dimostrato un sistema estremamente versatile, leggero, facile da trasportare.

Senza contare che la possibilità di poter rivedere immediatamente lo scatto eseguito è a dir poco preziosa, dato che permette di rilevare eventuali errori.

Ingrandisci
Ingrandisci
La Coolpix sul microscopio: si tratta di un Meopta da campo. Per posizionare l'obiettivo della Coolpix sull'oculare del microscopio in questo caso abbiamo utilizzato il treppiede da tavolo 209 con prolunga 259B. Per dare maggiore stabilità al complesso abbiamo però preferito il 196 Mini Articuled Arm unito a un morsetto 035

Coolpix 990 alla minima distanza di messa a fuoco, 0.20cm, area in-quadrata 18mm.
Poiché il sensore misura 11.6mm sul lato lungo, il coefficiente d'ingrandimento è 0,64x.
 
Con l'aggiuntivo Raynox MSN 500, l'area inquadrata è 9mm e il coefficiente d’ingrandimento 1,2x.
 
Fotocamera collegata al microscopio con oculare 15x e obiettivo 2,3x:
Area inquadrata 1.4mm, coefficiente d'ingrandimento 8x.
 
Microscopio con oculare 15x e obiettivo 6,7x.
Area inquadrata 0.7mm, coefficiente d'ingrandimento 16x.
 
Microscopio con oculare 15x e obiettivo 20x.
Area inquadrata 0.2mm, coefficiente d'ingrandimento 58x.