Sguardi 51 - Marzo 2007

A cura di:

Les Sommets de l'Image Alex Bernasconi News Carla Cerati Monica Bulaj Fotografia Roma Carla Sozzani: Jeanloup Sieff + Charles Jones James Hill Sguardi Online Antonio Politano

Editoriale

Segue da anni il cammino delle genti di Dio, unendosi ai loro pellegrinaggi, mischiandosi alla folla dei rituali, accompagnando i bisbigli delle preghiere. È Monika Bulaj, ingegno multiforme, fotografa-scrittrice-antropologa, che Sguardi ha incontrato in occasione della sua ultima mostra al Palazzo Ducale di Genova per farle raccontare il suo personale e profondo punto di vista sulla fotografia.

Se il sacro è il territorio privilegiato di Monika Bulaj, l'area prossima ai luoghi di conflitto, Da qualche parte tra guerra e pace, come recita il titolo della sua antologica in mostra da Grazia Neri a Milano, è quella di James Hill, pluripremiato fotografo inglese, free-lance con contratto (con il New York Times), autore di "fotografie più accidentali che decisive, che pongono domande e non risposte", "istanti piccolissimi" in cui "la voce della Storia urla altrettanto forte di quanto faccia nei momenti cruciali".

A proposito di sguardi d'autore, con la primavera torna l'appuntamento con il Festival FotoGrafia di Roma, giunto alla sua sesta edizione. Sguardi ne propone un'anticipazione, con le esposizioni Non tutte le strade portano a Roma, una raccolta dei lavori tra reportage e arte di sette fotografi sul tema del paesaggio del Lazio, e Mutations I (una mostra prodotta all'interno del Mese Europeo della Fotografia che riunisce i festival di Parigi, Roma, Berlino, Vienna, Bratislava, Lussemburgo e Mosca), e l'annuncio di un premio appena nato nel suo ambito, il Premio Internazionale FotoGrafia-Baume & Mercier.

L'inevitabile spettacolo delle meraviglie della natura, e le problematiche che si celano dietro la loro bellezza, sono al centro di due spazi di questo numero. Il primo è dedicato alla spettacolare rassegna in scena a Courchevel, stazione sciistica della Savoia francese, dove tra chalet e chiesette sono esposte le gigantografie di 15 tra i maggiori fotografi di natura del mondo, da Art Wolfe a Frans Lanting e David Doubilet. Il secondo è una vetrina del lavoro di un fotografo italiano, Alex Bernasconi, che svela i retroscena, anche tecnico-organizzativi, delle sue suggestive foto di natura.

Da due spazi consacrati alla natura a due a gallerie (milanesi). La Galleria Bel Vedere presenta "Punto di vista", una raccolta di immagini in bianco e nero di Carla Cerati, fotografa e scrittrice, nell'ambito delle mostre dedicate ai maestri del reportage italiano. La Galleria Carla Sozzani propone due mostre in contemporanea: "Gli anni di Harper's Bazaar, New York 1961-1966, di Jeanloup Sieff, fotografo leggero dai gusti sofisticati, e "Still Life" di Charles Jones, giardiniere-artista-fotografo dei primi del Novecento.

Infine, le news: dove si segnalano l'uscita di due volumi della collana FotoNote su due "maestri" diversissimi tra loro (Elliott Erwitt e Joseph Koudelka), le fatalmente inusuali vedute dal cielo di Milano in mostra allo spazio White Star Adventure, e si svela l'arcano del vero (?!) volto di James Bond. Leggere, e guardare, per credere.

[Antonio Politano]