Nikon Capture NX 2.3 e Color Efex Pro 3.004 di Nik Software: 64bit di forza e libertà creativa

A cura di: Franco Cappellari

Fotoritocco in pochi passi con Color Efex Pro 3 per Capture NX2 Nicaragua: Ometepe, l'isola lacustre più grande del mondo
Salinas Grandes: un immenso lago salato a 3500mt Coltivazioni di caffè del dipartimento di Matagalpa
Lago Bogoria: fenicotteri e l’alga Spirulina Platensis Africa: nella savana
Accesso ai filtri Color Efex Pro 3 Flusso di lavoro workflow
Controlli filtro di Color Efex Pro 3 Applicazione selettiva dei filtri
Photogallery Fonti web e link utili

 

La potenza a 64bit di Nikon Capture NX 2.3 o successivo, non poteva fare a meno delle preziose peculiarità aggiuntive permesse dal famoso Color Efex Pro 3 di Nik Software reso disponibile a 64bit con l’aggiornamento 3.004. L’abbinata offre potenzialità semplici ma potenti grazie alla perfetta integrazione della tecnologia U-Point che garantisce interventi globali o selettivi, modulabili con incredibile libertà e senza la necessità di operare con complesse maschere di selezione gestite in automatico nel suo interno. Ricordiamo il Color Efex Pro di Nik Software dedicato a Nikon Capture NX2 prodotto distinto rispetto alle versioni per host come Adobe Photoshop, Adobe Lightroom o Apple Aperture.

Fotoritocco in pochi passi con Color Efex Pro 3 per Capture NX2

La passione per la fotografia associata a quella per i viaggi e alla professione fotogiornalistica, mi portano spesso in giro per il mondo. Molte volte ho quindi la necessità di inviare le immagini già pronte per la stampa alle agenzie o alle redazioni delle riviste per cui lavoro. Considerato che i miei viaggi si svolgono a ritmi forsennati, è diventata quasi una chimera trovare il tempo per sedersi a tavolino ed elaborare i file in tranquillità. Per questi motivi ho dovuto affinare una tecnica di fotoritocco che mi consentisse risultati di certo impatto in pochissimo tempo. Ho pertanto approfondito e sfruttato al massimo le potenti peculiarità offerte dai Nikon Picture Control in primis, quindi estensioni di ritocco creativo possibili con incredibile velocità e qualità grazie all’abbinata Nikon Capture NX 2 e Color Efex Pro 3.
 

Ingrandisci l'immagineIngrandisci l'immagineIngrandisci l'immagineIngrandisci l'immagineIngrandisci l'immagine

Di seguito analizzeremo cinque esempi di lavorazioni eseguite su immagini utilizzate per campagne pubblicitarie o a corredo di articoli su riviste specializzate di viaggio. Sebbene Color Efex Pro 3 offra 52 distinti filtri con rispettive sotto-varianti, ci concentreremo su Graduated Neutral Density, Graduated Filters, Pro Contrast, Remove Color Cast del gruppo filtri “Traditional e Foliage del gruppo filtri “Stylizing” che sono statisticamente quelli che più utilizzo nell’elaborazione delle foto naturalistiche e di paesaggio. Chi non avesse dimestichezza con l’interfaccia Nikon Capture NX 2 e Color Efex Pro 3 Nik Software per NX2 suggeriamo di consultare i capitoli: Accesso ai filtri Color Efex Pro 3, Flusso di lavoro workflow, Controlli filtro di Color Efex Pro 3 e Applicazione selettiva dei filtri. Per chi desidera velocità operativa in flussi complessi di lavorazione suggeriamo di prendere visione delle numerose scorciatoie da tastiera offerte da Nikon Capture NX2.

Nicaragua: Ometepe, l'isola lacustre più grande del mondo

Ingrandisci l'immagineIngrandisci l'immagineIngrandisci l'immagine

Ho realizzato questo scatto in Nicaragua, più precisamente a Ometepe l'isola lacustre più grande del mondo. Nella fattispecie era mia intenzione enfatizzare i colori dell'alba, ho quindi leggermente sottoesposto in fase di ripresa e successivamente, in postproduzione con Capture NX2 e Color Efex Pro 3 applicato un filtro digradante arancio. La sottoesposizione mi ha aiutato ad ottenere l'effetto voluto, ma ha anche contribuito ad oscurare le acque del lago che ho schiarito applicando il filtro Neutral Density, agendo sul gradiente della luminosità, ed applicandola solamente alla parte inferiore del fotogramma.

Ingrandisci l'immagineIngrandisci l'immagineIngrandisci l'immagine

Una volta effettuati gli interventi più importanti, sono passato ai ritocchi finali applicando la maschera di contrasto quindi raddrizzato l’orizzonte agendo sul comando - raddrizza - di Capture NX2. Infine, ho riquadrato in ritaglio l’immagine per ottenere una composizione ottimizzata e più equilibrata.

Salinas Grandes: un immenso lago salato a 3500mt

Ingrandisci l'immagineIngrandisci l'immagineIngrandisci l'immagine

Uno scenario fantastico quello della Salinas Grandes, un immenso lago salato a 3.500mt sul livello del mare nel Nord dell'Argentina. Giunto sul posto, mi bastò guardarmi intorno per capire che la sconfinata distesa bianca avrebbe influenzato non poco l'esposimetro. Dopo aver realizzato uno scatto di prova ed aver dato un'occhiata all'istogramma, per regola avrei dovuto sovraesporre almeno di uno stop, ma così facendo avrei bruciato la parte di cielo che avevo in mente di inserire nell'immagine. Ho preferito così portare a casa un'immagine a basso contrasto ed operare in postproduzione. Il mio primo intervento è stato quello di applicare il filtro Neutral Density, al fine di scurire la parte superiore occupata dal cielo, e schiarire la zona sottostante quella del lago salato.

Ingrandisci l'immagineIngrandisci l'immagineIngrandisci l'immagine

Successivamente con il filtro Pro Contrast, ho corretto il tono dell'immagine, aumentando il contrasto globale, dando così anche al cielo un aspetto quasi drammatico. A seguire, con l'utilizzo degli u-point, ho messo in risalto le figure disegnate sul manto di sale da effetti termici e vento per farlo quasi sembrare un insieme di cellule. A questo punto non restava che correggere la distorsione geometrica per finire con la maschera di contrasto e ritaglio per escludere una piccola porzione di cielo bruciato.

Coltivazioni di caffè del dipartimento di Matagalpa

Ingrandisci l'immagineIngrandisci l'immagineIngrandisci l'immagine

Il dipartimento di Matagalpa è il più montagnoso dell'intero Nicaragua noto in tutto il mondo per le sue coltivazioni di caffè per la maggior parte biologiche. Ed è proprio qui che ho scattato questa immagine. L'ho realizzata all'interno di un edificio utilizzato per l'essicazione del caffè. Il problema principale che ho dovuto affrontare è stato il colore delle sue pareti che riflettevano una luce dalla forte dominante verde. Ma non mi sono preoccupato più di tanto sapendo di poterla eliminare con estrema semplicità in Color Efex Pro 3. Per farlo ho utilizzato il filtro RemoveColor Cast, uno strumento tanto potente, quanto semplice da usare. Attraverso ill cursore del -colore- ho individuato la dominate, che ho successivamente provveduto a rimuovere agendo su quello dell'intensità. Ho quindi aumentato notevolmente il contrasto dell'immagine con Pro Contrast, applicato al maschera di contrasto con Capture NX2 e utilizzato lo strumento - Taglierina - per centrare l'immagine.

Ingrandisci l'immagineIngrandisci l'immagineIngrandisci l'immagine

Lago Bogoria: fenicotteri e l’alga Spirulina Platensis

Ingrandisci l'immagineIngrandisci l'immagineIngrandisci l'immagine

Ho avuto sempre una passione ed un interesse particolare per le foto aeree, in quanto sono le uniche che in determinati contesti riescono a racchiudere l’insieme geometrico dell’estensione che si cerca di rappresentare. Per realizzare questa immagine sono salito a bordo di un elicottero del Kenya Wildlife Service, impiegato normalmente sia per funzioni di controllo del territorio che per trasferire, in caso di necessità, gli animali selvatici da un parco all’altro. L'obiettivo era il lago Bogoria. Lo scenario che mi si presentò dall’alto era a dir poco emozionante, e la vista di circa un milione di fenicotteri raggruppati sulle sue rive, uno spettacolo unico. In queste occasioni ci si preoccupa d'impostare i parametri di scatto del la fotocamera prima di arrivare sulla zona prestabilita, in quanto una volta giunti sull'area tutta l'attenzione deve essere rivolta alla composizione dell'immagine. Nel mio caso avevo anche un altro problema, quello che i fenicotteri infastiditi dal rumore dell'elicottero, prendessero il volo prima che io riuscissi a scattare. In parte è stato così, dopo il primo passaggio sono volati via, ma la fortuna ha voluto che ero già riuscito ad immagazzinare ciò che mi interessava. Lo scatto in oggetto non mi ha dato particolari problemi di postproduzione, quindi è stato semplice tirare fuori il meglio da questa immagine in tempi brevi. Come prima cosa ho regolato il tono generale attraverso il filtro Pro Contrast. Successivamente con gli u-point ho dato maggior risalto ad alcune zone dell'immagine che ritenevo importanti, enfatizzato le zone verdi presenti sul delta del fiume e sul fondo del lago a causa della presenza dall’alga – Spirulina Platensis - di cui sono molto ghiotti i fenicotteri. Applicato la maschera di contrasto ed infine ritagliato l'immagine.

Ingrandisci l'immagineIngrandisci l'immagineIngrandisci l'immagine

Africa: nella savana

È risaputo che le migliori ore per fotografare sono quelle in cui il sole è più basso e quindi le prime ore del mattino e quelle del pomeriggio inoltrato fino ad arrivare alla luce calda ed intensa del tramonto. Non sempre però questo è possibile, specialmente quando si è in viaggio o quando i luoghi da visitare appartengono ad un itinerario già prestabilito: è il caso della seguente fotografia scattata in Africa. Anche in questo caso nessun problema particolare in termini di esposizione generale del fotogramma: luci ed ombre, già nel NEF iniziale, erano abbastanza equilibrate e con qualche piccolo passaggio di post-produzione sono andato ad enfatizzare i punti chiave dello scatto per dargli una maggiore tridimensionalità e quindi più profondità all’intera immagine.

Ingrandisci l'immagineIngrandisci l'immagineIngrandisci l'immagine

Ecco la scena come ripresa inizialmente: l’esposizione Matrix ha lavorato molto bene preservando e tutti i dettagli sulle zone chiare dell’immagine (in particolare il bianco delle nuvole) e la parte in ombra sul corpo degli elefanti. Come anticipato precedentemente, il mio scopo era quello di dare all’immagine una profondità superiore: ho applicato quindi un filtro “Graduated Neutral Density” (ND Graduato) naturalmente sulla parte alta del fotogramma. La particolarità di questo filtro è proprio quella di effettuare un passaggio graduale e sfumato verso l’estremità inferiore del suo raggio d’azione in modo da decidere, a seconda della linea dell’orizzonte, in questo caso, l’entità e “la forza” d’impatto: con questo semplice passaggio le nuvole ed il cielo hanno aumentato il contrasto generale dello scatto dandogli subito quella maggiore tridimensionalità che inizialmente mi ero prefisso di raggiungere. Sulla parte bassa del fotogramma invece, quella dove è presenta la classica vegetazione delle terre della Savana Africana, ho deciso di applicare il filtro Foliage: il risultato è quello di un contrasto maggiore ed in particolare di una enfatizzazione dei colori in modo selettivo e quindi esclusivamente su quella che è la vegetazione presente nell’intera immagine.

Ingrandisci l'immagineIngrandisci l'immagineIngrandisci l'immagine

Avendo esposto per le alte luci dove in caso di “bruciature”, ossia sovraesposizione eccessiva, è impossibile avere informazioni utili per ricostruire la trama dell’immagine, mi son trovato leggermente in ombra la parte bassa del corpo degli elefanti: è bastato qualche U-Point, tecnologia e fiore all’occhiello di Capture NX 2 che permette di applicare delle regolazioni localmente ad un area dell’immagine, e son riuscito in pochi click ad “aprire le zone d’ombra” ottenendo quindi una maggiore leggibilità nelle parti scure del fotogramma. Una piccola dose di maschera di contrasto in modo da aumentare e delineare maggiormente il dettaglio e quindi gli elementi della scena. Una piccola raddrizzata all’orizzonte e l’utilizzo del pennello di ritocco automatico per rimuovere i granelli di polvere presenti nella parte alta ed in particolare nel cielo. Un ultimo ritocco al contrasto dell’intera immagine tramite il filtro Pro Contrast. L’obiettivo iniziale che mi ero prefissato per questa fotografia è stato raggiunto: con pochi e semplici passaggi sono riuscito ad ottenere un aumento generale della tridimensionalità e della profondità della scena oltre ad un maggior contrasto che congiuntamente hanno dato all’immagine un’impronta più carica e forte.