Accessori per il comando di scatto via cavo o wireless del sistema reflex Nikon DSLR

A cura di: Valerio Pardi

La necessità di attivare la ripresa nel momento desiderato e senza agire sul pulsante di scatto trova radici nella storia della fotografia. La tecnologia attuale lo permette nelle massime espressioni fotografiche e video anche assieme ad ulteriori potenzialità Live View correlate a comandi cablati o wireless da smartphone, tablet o computer oppure via radio potendo eventualmente “remotare” impostazioni di ripresa su gruppi di più fotocamere.

 

Introduzione Principali accessori per il comando di scatto: cavo, radio, IR, LAN, Wi-Fi
Tabella compatibilità accessori per il comando di scatto Comandi di scatto via cavo: MC-36, MC-30, MC-DC2, AR-3, AR-11
Comandi di scatto wireless IR: ML-3, ML-L3 Cavi di prolunga o adattatori MC-21, 21N, 22, 23, 35, Link correlati

Comandi di scatto via cavo: MC-36, MC-30, MC-DC2, AR-3, AR-11

Nikon MC-36: scatto remoto via cavo con funzionalità programmabili e connessione verso prese a 10 poli oppure MC-DC2 attraverso l’adattatore Nital MC-21N.

Corpo MC-36
Display MC-36
Ingrandisci l'immagine
1 - Connettore a 10 poli
2 - Cavo
3 - Spia di scatto
4 - Pannello di controllo
5 - Pulsante Timer, Start, Stop
6 - Pulsante Set (imposta)
7 - Pulsante illuminatore/blocco
8 - Joystick selettore a freccia
9 - Pulsante di scatto
10 - Coperchio vano batteria
11 - Occhiello per fissaggio
Ingrandisci l'immagine
1 - Cursore selezione funzione
2 - Timer
3 - Indicatore blocco
4 - Indicatore batterie scariche
5 - Indicatore Timer attivo
6 - Indicatore segnale acustico
7 - Indicatore Set (imposta)
8 - Indicatore di scatto (release)
9 - Numero di scatti
Diagramma di flusso MC-36
OPZIONE
DESCRIZIONE
IMPOSTAZIONI SUPPORTATE
DELAY
Ritardo prima dello scatto
Da 0 secondi a 99 ore, 59 minuti, 59 secondi (a incrementi di 1 secondo)
LONG
Tempo di esposizione
Da 0 secondi a 99 ore, 59 minuti, 59 secondi (a incrementi di 1 secondo)
INTVL
Intervallo
Da 1 secondo a 99 ore, 59 minuti, 59 secondi (a incrementi di 1 secondo)
N
Numero di scatti
Da 1 a 399, (- -) illimitati
Ingrandisci l'immagine
La connessione MC-36 verso la reflex può comunicare l’attivazione di prescatto AE/AF quindi scatto, ma non può interagire con le impostazioni di ripresa impostate sulla fotocamera. Impostare sulla fotocamera i desiderati parametri di esposizione P,S,A,M oppure la posa “B” quando dovrà essere l’MC-36 a determinare il tempo di esposizione, il modo AF appropriato tra AF-C e AF-S (con priorità allo scatto) o M. In relazione alla reflex abbinata sono raggiungibili anche impostazioni di otturazione elettronica sulla prima tendina in M-UP come nel caso di Nikon serie D810 e D810A da attivare o disabilitare on-camera, oltre a funzioni di ritardo allo scatto o riduzione rumore “noise” su pose lunghe e/o alti ISO.

Ingrandisci l'immagineIl display monocromatico LCD è ampio e retro illuminabile da una leggera luminescenza color verde e le varie funzioni si gestiscono da un joystick “pad” circolare centrale e un solo pulsante; gli altri pulsanti infatti non sono indispensabili nella fase di impostazione dell'MC-36A, rendendo le varie procedure semplici e intuitive. L'alimentazione viene offerta da una coppia di batterie mini stilo, il formato AAA che offrono, di conseguenza un'autonomia prolungata, visto che i consumi massimi si attestano sui 20 mAh. Le funzioni del timer MC-36/MC36A sono accessibili utilizzando il joystick “pad” centrale a 4 vie assieme al pulsante "SET". Gli altri due pulsanti si riferiscono alla possibilità di retro illuminare l'LCD, bloccare le impostazioni e far partire il timer impostato. Ovviamente, l'MC-36 può essere impiegato come un normale scatto remoto con pulsante di attivazione dell'otturatore con sistema di blocco per la posa B. Quando il blocco è attivato, il pulsante lascia scoperto una linguetta di color rosso che indica che lo scatto è attivo; a questo si aggiunge un "Bip" ripetuto, con frequenza di circa 1s che sottolinea l'attivazione dell'otturatore della fotocamera; se anche questo potesse essere visto come insufficiente, il telecomando dispone di un Led rosso che lampeggia per tutto il tempo della posa e sul display viene visualizzato il tempo trascorso dall'apertura delle tendine dell'otturatore.

Tutti gli accessori Nikon con cavi terminanti con la presa a 10 pin sono anche provvisti di un comodo anello filettato di ritenuta che permette di fissare in modo sicuro il cavo alla fotocamera, senza pericolo che si possa accidentalmente staccare. Ma cosa fa effettivamente l'MC-36?

Ingrandisci l'immagineIngrandisci l'immagineIngrandisci l'immagineIngrandisci l'immagineIngrandisci l'immagineIngrandisci l'immagine

Il primo parametro selezionabile è il ritardo "Delay" che potremmo considerare come un autoscatto programmabile. In questa schermata si inserisce il tempo che dovrà intercorrere tra l'attivazione del timer e l'effettivo inizio del set di riprese. I valori impostabili variano tra un minimo di 0 secondi ad un massimo di 99 ore 59 minuti e 59 secondi, in pratica un autoscatto di oltre 4 giorni. Con il parametro di durata "Long" si inserisce il tempo della posa, nel caso si utilizzasse la posa B della fotocamera, ma può essere lasciato a zero se la fotocamera è regolata diversamente. Come nel caso precedente, la durata massima della posa è pari a 99 ore, 59 minuti e 59 secondi. Su intervallo "Intvl" si imposta il valore di tempo tra uno scatto e l'altro. Occorre prestare attenzione che questo dato non tiene conto del valore impostato in "Long", ovvero quello relativo al tempo di scatto, quindi quando si effettuano pose lunghe i posa B, occorre verificare che i due valori siano coerenti.
Faccio un esempio: devo fare una serie di pose da tre minuti ogni cinque minuti. In questo caso dovrò impostare su "Long" il valore 3 minuti e su "Intvl" il valore 5 minuti. In questo modo la fotocamera eseguirà una posa di 3 minuti, aspetterà i restanti due con l'otturatore chiuso per arrivare ai 5 minuti prefissati, e poi scatterò una seconda foto con gli stessi parametri. Se però avrò attivato la funzione di riduzione del rumore per le pose lunghe sulla reflex digitale, potrà capitare che allo scadere dei 5 minuti, la fotocamera stia eseguendo ancora il dark frame, non potendo così partire con lo scatto successivo. Stesso discorso se invece imposto 3 minuti di posa e 2 minuti solo di intervallo, quando lo scatto remoto darà il via per la seconda posa, la fotocamera in realtà starà riprendendo ancora la prima posa. Su "N" si inseriscono il numero di cicli da ripetere dei parametri precedentemente impostati. Nel caso illustrato nelle immagini ho impostato 399 ripetizioni corrispondente al valore massimo possibile, mentre lasciando vuoti i valori (--), l'MC-36 ripeterà all'infinito le sequenze.

Ingrandisci l'immagineIngrandisci l'immagineIngrandisci l'immagineIngrandisci l'immagineIngrandisci l'immagineIngrandisci l'immagine

Infine il simbolo di nota musicale indica la possibilità di usufruire di un "Bip" di conferma durante l'inserimento delle impostazioni e dell'ausilio sonoro durante le riprese. Infatti questo scatto remoto nei secondi immediatamente antecedenti lo scatto tra una ripresa e l'altra, li evidenzia con una serie di impulsi acustici che ricordano l'approssimarsi dell'apertura dell'otturatore. In modalità posa “B” standard, ovvero quella attivata dal pulsante meccanico centrale, l'MC-36 scandisce ogni secondo di posa con un "bip". Una volta impostati tutti i parametri, si può attivare l'intervallometro con la pressione del tasto "Timer start/stop" oppure bloccare i tasti dal pulsante “Lock” per evitare accidentali modifiche delle impostazioni tenendo premuto per più di 3 secondi il pulsante relativo all'illuminazione del display LCD. L'MC-36 risulta quindi ideale per una serie di situazioni fotografiche che spaziano dalla semplice fotografia paesaggistica, alla fotografia notturna con la sua variante più specializzata di astrofotografia (magari in aggiunta alle dedicate pose programmabili della Nikon D810A) alla più generica fotografia naturalistica e scientifica. Si tratta di un controller remoto programmabile che può agevolmente sostituire le funzioni che dovrebbe eseguire un computer collegato alla fotocamera per gestirne gli scatti con Camera Control Pro 2 o con i variegati software universali per connessioni USB con protocollo PTP/MTP raggiungibili dalla rete.

MC-30
MC-DC-2
AR-3 per Df
AR-11
per Df
Ingrandisci l'immagineIngrandisci l'immagine Ingrandisci l'immagineIngrandisci l'immagine Ingrandisci l'immagine Ingrandisci l'immagine

Nikon MC-30: permette lo scatto a distanza riportando la funzione elettro/meccanica di pressione a metà corsa del pulsante di scatto.
L'MC-30 dispone anche con blocco del pulsante di scatto, una funzione utile, o meglio, indispensabile per le riprese con posa B. Dispone di un cavo con una lunghezza di 80 centimetri circa con spina a 10 poli. Si caratterizza per l'ottima impugnabilità che ne sottolinea la vocazione professionale dello strumento.

Nikon MC-DC2: dedicato alle fotocamere con presa, appunto, MC-DC2 molto numerose nella gamma Nikon e permette lo scatto a distanza riportando anche la funzione elettrica di pressione a metà corsa del pulsante di scatto. Dispone di un cavo con una lunghezza di 1 metro circa e del blocco del pulsante di scatto per le riprese con posa B. Quando il blocco è attivato, il pulsante lascia scoperta una linguetta di color rosso che indica che lo scatto è attivo. Quando è in uso sulla reflex il modulo GPS Nikon GP-1 che occupa la presa MC-DC2, si potrà collegare il comando di scatto in serie, nella prevista presa replicata del GPS.

Comandi di scatto wireless IR: ML-3, ML-L3

Nikon ML-3: il trasmettitore a infrarossi Nikon ML-3 è composto da due elementi: un ricevitore da abbinare alla fotocamera collegandolo alla presa a 10 poli della stessa e un telecomando con cui azionare la/le reflex a distanza.

Ingrandisci l'immagineIl ricevitore si ancora sulla slitta a contatto caldo della fotocamera e dialoga con essa, non tramite i contatti flash, ma attraverso il classico cavo a 10 poli verso reflex dotate di presa a 10 poli oppure attraverso l’adattatore MC-21N su reflex dotate di presa MC-DC2.
Il telecomando dispone di un LED a infrarossi modulato che consente di attivare due ricevitori su due canali separati; il telecomando funziona con due batterie mini-stilo AAA e dispone anche di un attacco filettato femmina compatibile con lo stand fotografico per essere abbinato ad un piccolo treppiede. Il pulsante di scatto presente sul trasmettitore simula quello della fotocamera, con la possibilità di essere premuto a metà corsa per attivare l'autofocus e l'esposimetro e per riattivare eventuali flash collegati alla macchina andati in stand-by oppure di far scattare la fotocamera pigiando fino in fondo il pulsante.
Il telecomando dispone anche di un selettore per lo scatto singolo oppure continuo a raffica, come avviene impostando l'apposito selettore sulla fotocamera. È anche possibile riprendere immagini con un ritardo fisso di 3 secondi, ideale per avere il tempo di nascondere eventualmente il telecomando usato per attivare la fotocamera se si è all'interno del campo inquadrato dalla fotocamera. Il ricevitore, invece, come già anticipato, dispone di una slitta come quelle dei flash, con tanto di collare di serraggio, ma non ha contatti elettrici su questa, e si rifà al cavo da 28cm con spina da 10 pin per dialogare con la reflex. Anche il ricevitore dispone di un attacco filettato per poter essere montato su un treppiede, stativo, staffa o su un altro supporto per non impegnare la slitta flash della fotocamera. La portata del trasmettitore è di circa 8 metri, che si riducono a 6 se non è puntato direttamente verso il ricevitore (entro un angolo di +/- 10°). Per evitare interferenze con altri strumenti IR e per pilotare due fotocamere nello stesso luogo senza che interferiscano l'uno con l'altra, è possibile selezionare due distinti canali di comunicazione.

ML-3
Ingrandisci l'immagineIngrandisci l'immagineIngrandisci l'immagineIngrandisci l'immagine

Ma perché il Nikon ML-3 ha la possibilità di essere utilizzato su treppiede sia per il ricevitore che per il telecomando? Perché tra le varie funzionalità di questo accessorio vi è quella di essere impiegata come trappola a infrarossi, utile e molto utilizzata dai fotografi naturalisti quando non possibili quelle di “Focus Trap” on-camera. In pratica si crea una trappola invisibile tra il trasmettitore e il ricevitore e quando il fascio di luce infrarossa viene interrotta, per esempio dal passaggio di un animale in un bosco, la fotocamera inizia a scattare fino a quando il fascio infrarosso è ristabilito, ovvero fin quando il soggetto si trova nel campo coperto dalla trappola IR. Anche in questa modalità sarà possibile scattare un'unica immagine se si imposta la modalità “S”, oppure una serie di immagini a raffica, compatibilmente con la velocità di scatto della fotocamera impiegata, se si seleziona la modalità di scatto “C” sul telecomando. L'autonomia in questa modalità confermata da Nikon con batterie comuni equivale a circa 72 ore, un tempo più che sufficiente per gli appostamenti.

Nikon ML-L3: è un piccolissimo scatto remoto a infrarossi da considerarsi come estensione delle potenzialità di
autoscatto attivabili a distanza ad oggi con le reflex entry level e consumer. Il Nikon ML-L3 non dispone di blocco per lo scatto ma quando la fotocamera viene impostata su posa “B” il suo funzionamento è del tutto simile alla vecchia funzione di posa T disponibile sulle passate ammiraglie; in pratica la pressione del pulsante del controller permette di aprire l'otturatore e una seconda pressione lo farà chiudere. La durata massima della posa “B” può in relazione alla reflex in uso, non superare i 30 minuti trascorsi i quali, la reflex chiude automaticamente l'otturatore. È uno scatto estremamente comodo per via delle piccole dimensioni, ed è altrettanto semplice da perdere, per cui esorto a tenerlo sempre in una piccola tasca della borsa fotografica! A differenza degli scatti remoti con il filo, questo necessita di impostare la fotocamera per renderla attiva alla ricezione del segnale IR proveniente dall’ML-L3. Ricordo ancora che Nikon dispone di due scatti remoti a infrarossi dotati di sigla simile: ML-L3 (questo telecomando estensione delle potenzialità di autoscatto) e l'ML-3 vero e proprio comando di scatto che invece si abbina con ricevitore e trasmettitore alle reflex professionali e prosumer che dispongono dell'attacco a 10 pin.

ML-L3
Ingrandisci l'immagineIngrandisci l'immagineIngrandisci l'immagineIngrandisci l'immagine
Il telecomando a infrarossi Nikon ML-L3, attiva lo scatto della fotocamera sia puntandolo verso il ricevitore posizionato sul frontale della fotocamera che puntandolo verso il ricevitore posizionato nella parte posteriore della fotocamera.

Cavi di prolunga o adattatori: MC-21, 21N, 22, 23, 35

MC-21
MC-21N
MC-22
MC-23
MC-35
Ingrandisci l'immagine
Ingrandisci l'immagine Ingrandisci l'immagine Ingrandisci l'immagine Ingrandisci l'immagine

Nikon MC-21: e una prolunga di circa 3 metri collegabile in serie a tutti gli accessori con attacco da 10 pin, come ad esempio l'MC-30, MC-36, MC-22 o MC-23.

MC-21N: e una variante della prolunga MC-21/MC-21A fornita da Nital con codice “MC-21N 530665” che permette di raggiungere anche la presa femmina a 10 poli per, ad esempio, utilizzare accessori con spinotto a 10 poli tipo MC-30 o MC-36 o ML-3, su fotocamere con attacco MC-DC2. Il Kit include l’MC-21A modificato con femmina jack 3.5 quindi due cavi con maschio Jack 3,5 verso 10 poli maschio oppure MC-DC2.

Nikon MC-22: è un cavo da 1 metro con attacco a 10 pin maschio da un capo e dall’altro le “banane” standard per il collegamento, ad esempio, di dispositivi esterni di azionamento universale otturatore. Può essere impiegato per collegare alla reflex sistemi di “trappole digitali” per lo scatto robotizzato o ai numerosi dispositivi oggi prodotti da diverse aziende specializzate con laser e/o tecnologie radar in radiofrequenza.

Nikon MC-23: è un cavo di circa 40cm (prolungabile con MC-21/MC-21A) con due attacchi a 10 pin maschi che permette di unire due fotocamere dotate di presa a 10 poli per consentire lo scatto sincronizzato e simultaneo, utile per scattare da due punti di vista differenti o per la fotografia in 3D di oggetti in movimento, giusto per citare due possibili campi d’impiego. La possibilità di comandare lo scatto contemporaneo di più fotocamere è oggi permesso anche in wireless dai sistemi a trasmissione radio con il telecomando Nikon WR-T10 e ricevitore Nikon WR-R10 (anche con più unità WR-R10 comandate da un WR-R10 + adattatore WR-A10 usato come master su una reflex principale con presa a 10 poli), oppure attraverso le estensioni di funzionalità anche sincrone offerte dal Nikon Wireless Remote Controller Nikon WR-1.

Nikon MC-35: permettere di collegare alle Nikon dotate di presa a 10 poli, dispositivi GPS professionali in standard NMEA 0183 utilizzati, ad esempio, nella navigazione nautica oppure aerea. Attraverso questo collegamento tanto “storico” quanto “attuale” come da dedicato eXperience, è possibile trasferire all’atto di ogni scatto nei metadati immagine delle Nikon supportate, i dati GPS rilevati dal dispositivo esterno che, via cavo seriarle RS-232, possono raggiungere la fotocamera. Tra le diverse misurazioni offerte dal GPS professionale possono essere memorizzati i dati di Latitudine, Longitudine, Altitudine e data/ora UTC.

Link correlati

Nikon Reflex

Nikon School

Brochure Nikon

Accessori Nikon

Obiettivi Nikkor

Nikon eXperience

Supporto Europeo Nikon

Software Nikon ViewNX-i

Software Nikon Capture NX-D

Accessori di Connettività Reflex

Wireless Mobile Utility “WMU” iOS

Wireless Mobile Utility “WMU” Android

Software Nikon Camera Control Pro 2

Nikon Wireless Remote Controller Nikon WR-1

Gli accessori del sistema flash Nikon Speedlight

Centro Download Nikon: manuali, software, firmware…

Nikon WT-4 e UT-1 in connessione LAN Ethernet
RJ-45

App Nikon Wireless Mobile Utility “WMU”
Android e iOS

Radiocomandi Nikon WR-T10/WR-R10 e adattatore
WR-A10

Tecniche di ripresa Time-Lapse con Full Frame Nikon FX

Nikon Df: l’anello di congiunzione tra il secondo e il terzo millennio

Accessori mirino e Live View wireless del sistema reflex Nikon DSLR

Sensibilità allo spettro dei sensori Nikon FX e DX: sulla via del colore

Fotografia di Architettura: Nikon D810, PC-E Nikkor e COOLPIX P7800

Controllo della prospettiva in architettura: ottico, on-camera e software

Focus Trap: scatto sincronizzato con un punto prescelto di messa a fuoco

Nikon Wi-Fi: controllo remoto wireless da smartphone, tablet e computer

Come montare un obiettivo Nikon F di cinquant'anni fa su una recente Nikon DSLR

Still-life in studio con D810, D750 e Nikkor PC-E: risoluzione e formato regine di qualità

Moduli Wi-Fi Nikon WU-1a e WU-1b per reflex e per compatte ad ottica intercambiabile

Controllo Wi-Fi di Nikon WT-5 con D4s e serie D800/D810 via UT-1: dal Browser iOS/iPhone/iPad e OS X

Ingrandisci l'immagine