A cura di Arcangelo Piai

» Introduzione » Accessori di ripresa
» PC-E Nikkor 24mm f/3.5D ED e 45mm f/2.8D ED » Angoli di campo Jumbo MBS su FX e DX
» Decentramento obiettivo o corpo con Jumbo MBS » Effetti di basculaggio con e senza Jumbo MBS
» HDR e Exposure Fusion di PTGui » Suggerimenti per la ripresa
» PTGui Pro » Filmato backstage Jumbo MBS e Photogallery

 

HDR e Exposure Fusion di PTGui

Spesso nelle foto di interni abbiamo a che fare con forti contrasti e, come citato in precedenza, senza la possibilità di utilizzare luci supplementari. Per evitare di avere bianchi bruciati e ombre chiuse prive di dettagli è consigliabile effettuare un bracketing dell'esposizione così da intervenire successivamente in postproduzione con Photoshop per migliorare l'aspetto tonale delle immagini. I sistemi sono vari (HDR, sandwich di più immagini con livelli e modalità di regolazione ecc.) ma tutti relativamente complicati, anche perché devono essere applicati alle immagini singole prima di effettuare lo stitching. Un'ottima soluzione viene offerta da PTGui Pro, software specializzato nella creazione di foto panoramiche e altro, come abbiamo già visto in particolare nei precedenti eXperience Photo stitching e panoramiche e Gigapixel con le DSLR Nikon. PTGui Pro, attualmente arrivato alla versione 8.3.6, permette di montare i multi scatto Jumbo MultiBigShoot anche in modalità HDR o Fusion.

Possiamo quindi comporre la nostra inquadratura da fare in tre scatti con la staffa di supporto Jumbo MultiBigShoot; impostiamo un brackting in ripresa, quindi facciamo più esposizioni per ogni singolo scatto. Analogamente per le due foto precedenti, impostando un brackting di cinque esposizioni per ogni singola posizione di spostamento. Otterremo così 15 scatti, 5 per lo scatto di sinistra, 5 per quello centrale e 5 per quello di destra.

Carichiamo tutti e 15 i file su PTGui Pro e il software farà lo stitching e l'HDR (o Fusion) in un unico passaggio, espandendo in maniera incredibile la gamma tonale assieme alla risoluzione della nostra situazione fotografica.

Ingrandisci l'immagine
Sopra il confronto tra scatto singolo e HDR. Notiamo come nell'immagine a sinistra abbiamo alte luci bruciate
e ombre chiuse mentre nell'immagine a destra, ottenuta con un bracketing di 7 esposizioni (da -3 a +3stop)
montati in Exposur Fusion, ha un aspetto più reale.

Stitching di 3 fotogrammi (3x7 per l'immagine a destra) con Nikon D700, obiettivo PC-E Micro Nikkor 45mm f/2.8D ED impiegato a f/11 su staffa Jumbo MBS

Ingrandisci l'immagine
Anche in questo caso è facile notare la maggiore qualità tonale del file in basso
(Exposure Fusion con 7 esposizioni) rispetto ai 2 sopra.
Stitching di 3 fotogrammi (3x7 per l'immagine in basso) con Nikon D700, obiettivo
PC-E Micro Nikkor 45mm f/2.8D ED impiegato a f/11 su staffa Jumbo MBS.

 

Suggerimenti per la ripresa

Ingrandisci l'immagine

Cavalletto e scatto a filo o radiocomando, sono indispensabili. L'insieme fotocamera Nikon D700, obiettivo PC-E Micro Nikkor 45mm f/2.8D ED e staffa Jumbo MultiBigShoot devono rimanere assolutamente immobili per tutta la sessione di ripresa. Eventuali movimenti, tra uno scatto e l'altro possono mettere “fuori registro” i file con conseguente insuccesso della nostra ripresa, a causa della difficoltà di PTGui di assemblare in maniera soddisfacente l'immagine.

Ingrandisci l'immagine
Ingrandisci l'immagine
Ingrandisci l'immagine
Operazione di decentramento, per i tre scatti, con la staffa Jumbo MBS.

Preziosa sarà la funzione bracketing della Nikon in uso, che ci permetterà di fare in sequenza una serie di scatti (da 2 a 9) con esposizioni diverse tra uno scatto e l'altro (da 0,3 a 1stop) per impieghi HDR.

Quindi impostiamo le opzioni bracketing della fotocamera applicando la priorità al tempo di scatto (cambiando il diaframma cambia anche la profondità di campo e, di conseguenza, le diverse esposizioni non andranno più a registro) e l'ordine bracketing in “Sotto-MTR-Sovra” (dalla sottoesposizione alla sovraesposizione).
Ingrandisci l'immagine
Ingrandisci l'immagine
Ingrandisci l'immagine
Schermate Bracketing sopra mostrate dal menù Nikon D700.
Ricordiamo l'attivazione delle opzioni Bracketing Nikon D700 possibili dal pulsante “Fn” e sue personalizzazioni.

Dopo aver misurato i diversi valori di esposizione presenti sulla scena impostiamo un numero di scatti necessari a coprire l'intera gamma tonale presente sulla scena. Il numero minimo di scatti consigliabile per avere dei risultati apprezzabili è 5 con una differenza tra uno scatto e l'altro di 1 stop (-2, -1, 0, +1, +2) se il contrasto è più alto impostiamo un numero di scatti più alto (il massimo impostabile è di 9 scatti).

Ricordiamoci di fare una scatto con il cartoncino grigio e/o scala colore per mantenere utili riferimenti colore variati anche dall'illuminante singola o molteplice che illumina la scena.

Scattiamo in formato RAW/NEF e convertiamo i file in TIFF a 16 bit con Nikon ViewNX o Capture NX2 impostando le stesse modifiche a tutta la sequenza di file da assemblare.
Lo sviluppo con i software Nikon potranno offrire coerenza cromatica assieme alla scelta dei criteri Picture Control. La nuova versione 8.3.6 di PTGui Pro permette di caricare direttamente i file RAW. Ho però sempre avuto dubbi sulla qualità di sviluppo RAW con software “generici”. Da notare, guardando il file seguente, la conferma di queste mie tesi.

Ingrandisci l'immagine
Sopra, due particolari di uno stitching in PTGui Pro 8.3.6. A sinistra lo stitching con i file convertiti in TIFF a 16 bit da
RAW/NEF con Nikon Capture NX 2.2.4. A destra lo stitching con i NEF convertiti direttamente da PTGui Pro,
dove si notano colori molto diversi, le aberrazioni cromatiche e la minor nitidezza.