Altitudine, longitudine, latitudine ed ora UTC integrati in ripresa nei metadati file

Il modulo GPS Nikon GP-1 è compatibile ad oggi con le reflex digitali Nikon serie D3, serie D2, D200, D300, D700 e D90.

A cura di Gerardo Bonomo

» Perché georeferenziare
» Come funziona il GPS
» Il Nikon GP-1 » La connessione del GP-1
» I connettori non sono tutti uguali
» Le impostazioni della fotocamera: attivare/disabilitare il GP-1 insieme all'esposimetro, cosa conviene fare?
» La schermata di “Posizione”: come trasformare la propria Nikon in un vero e proprio GPS » Sul campo
» La precisione dell'unità e la velocità massima di connessione » Dopo lo scatto, Nikon Transfer e Nikon View
» Google Earth e Panoramio » My PictureTown
» GP-1 e Coolpix P6000 » Conclusioni

 

La connessione del GP-1

Innanzitutto si connette il cavetto in dotazione all'unità GPS badando a rispettare i riferimenti sia sul cavetto che sull'unità; per effettuare la connessione il cavetto va spinto a fondo nella presa, così da garantire l'impermeabilità, quasi forzandolo, ed è per questo motivo che prima di connettere il cavetto bisogna controllare che i riferimenti siano corretti.

Ingrandisci l'immagine

Controllare che i due triangoli presenti sulla presa del cavo e sull'unità siano visibili e si fronteggino.

Ingrandisci l'immagine

Ingrandisci l'immagine

Inserire il terminale all'interno della presa del GP-1.

Ingrandisci l'immagine

Spingere a fondo per garantire una perfetta connessione ed evitare infiltrazioni di aria umida o di condensa esterna.

Ingrandisci l'immagine

Sull'altra parte del cavo il classico terminale multi funzioni Nikon a 10 poli.

Ingrandisci l'immagine

Anche in questo caso prima di inserire lo spinotto nella presa bisogna verificare il corretto allineamento: il piccolo triangolino stampato sul terminale deve essere orientatato dalla stessa parte del riferimento bianco alla base della presa sul corpo macchina.

Ingrandisci l'immagine

Si assicura la connessione avvitando la parte zigrinata del connettore alla presa sul corpo macchina.

Ingrandisci l'immagine

Quando si parla di fotografia digitale, va sempre e in ogni caso tenuto presente che alla fine, indipendentemente dalla scelta dell'attrezzatura e degli accessori, il cuore del sistema nell'imaging digitale resta la scheda di memoria.
La sua affidabilità, oltre alla sua capacità e velocità – specie in scrittura – sono determinanti nella riuscita o meno del lavoro.

Per connettere il cavetto alla Nikon D90 basta inserirlo nell'apposita presa contrassegnata con GPS; per la connessione con le altre DSLR compatibili bisognerà inserire il cavetto nella presa a 10 poli, anche in questo caso badando che il maschio sia posizionato correttamente rispetto alla presa sulla fotocamera; sarà poi possibile chiudere adeguatamente la connessione avvitando alla presa la parte filettata in metallo.
In questa eXperience la prova è stata eseguita con la Nikon D700: per le differenze di impostazione delle altre DSLR bisogna fare riferimento al manuale di istruzioni. Ecco le impostazioni disponibili nel menu della Nikon D700, sono le medesime anche della D3, D3x, D90 e D300; in fotocamere meno recenti come la D200 è disponibile un'icona che segnala sul display l'avvenuta connessione GPS e la visualizzazione dei dati GPS nel menu riproduzione immagine quando l'immagine ha acquisito correttamente i dati.

 
precedente