Di Mauro Minetti

1. Premessa 2. Prepariamo l’immagine
3. Dimensione immagine 4. Maschera di contrasto
5. Formato di registrazione 6. Registrazione
7. Cornici 8. Trasformazione in bianco e nero
9. Riepilogo flusso di lavoro 10. Conclusioni

 

Formato di registrazione
Il formato obbligatorio per la pubblicazione di un’immagine sul web, è il JPG. Così come è superfluo, ed alle volte controproducente, utilizzare uno spazio colore diverso da sRGB.

Se disponiamo di un’immagine acquisita (sia da scanner che da fotocamera digitale) in formati diversi dal JPG, ad esempio TIFF o RAW (.NEF) dovremo quindi per PRIMA COSA convertirla nel formato di registrazione JPG.

Questo passaggio è semplicissimo. Con qualsiasi software dedicato all’elaborazione delle immagini sarà possibile con un semplice “SALVA CON NOME” assegnare il formato indicato.

Perché si usa il JPG? Semplicemente per le caratteristiche di “leggerezza” dovuta alla compressione dei dati, che entro certi limiti non compromettono la qualità dell’immagine. Ricordiamoci che andrà esclusivamente visualizzata tramite un monitor, il quale non potrà mai riprodurre tutte le sfumature di colore, di luce e di nitidezza, realmente presenti nel file originale.

Da notare il cambiamento delle dimensioni (peso) del file dopo essere stato elaborato per il web

 
precedente